giovedì 8 ottobre 2009

Pandolce alle pere


Tutto ciò che è necessario per il trionfo del male......



E' che gli uomini di bene non facciano nulla.......

Edmund Burke (1729-1797) politico



Stasera ho imparato un termine nuovo del dialetto piemontese......



Probabilmente i piemontesi e di sicuro coloro che abitano nel pinerolese conoscono i panettoni bassi prodotti da Galup che sono semplicemente spettacolari........



Ma non è questo che volevo precisare: è il termine "galup" che è interessante e vuol dire "goloso"....



E infatti stasera la mia amica Fiorella (quella che mi regala le uova delle sue sante galline che attualmente sono in sciopero), parlandomi di un dolce che preparavano in casa quando era bambina, lo ha definito una "galuperie" e cioè una leccornia,una golosità.......



E a proposito di questo dolce preparato in tempi lontani, che finalmente stasera mi è stato spiegato per bene e che non anticipo perché lo devo preparare appena possibile, vi presento la mia versione...riveduta e corretta.....



So soltanto che è piaciuto molto un po' per la sua "stranezza", almeno per me è un po' singolare e semplice perché si vedrà in seguito quanto lo sia....



Economico perché è veramente poco costoso........



Ideale per una merenda o una colazione.......



L' amica a cui l'ho regalato voleva assolutamente abbinarlo ad una crema pasticcera, solo perché l'idea di questa aggiunta golosa la ispirava molto.......



Ma poi ci ha ripensato perché avendo 10 lupi a cena ha dovuto ridimensionare le sue fantasie... e dedicarsi a preparare le portate base della cena....




E ora passiamo alla ricetta che, come si potrà vedere , è facile da preparare tenendo conto però dei tempi tecnici della lievitazione.......



Tempo di preparazione: Circa 20' per la preparazione del pane dolce......
Costo: basso
Difficoltà:*

INGREDIENTI

15 gr di lievito di birra
poco latte
200 gr di farina Manitoba
200 gr di farina00
100 gr di farina di farro
40 gr di fiocchi di patate
1 bustina di vanillina
100 gr di zucchero
50 gr di burro
1 uovo
225 gr di pere Kaiser al netto corrispondente a 3 pere


Come ho già accennato questa ricetta me la sono inventata anche se quella originale è molto più spartana .......

Il burro, poco, è presente........



E queste belle pere Kaiser sono l'elemento principale della ricetta........



Non ci sono le foto della preparazione della pasta ma ora brevemente la spiegherò per chi fosse alle prime armi.

Versare nel boccale del mixer le tre farine, i fiocchi di patate, la vanillina, il pizzico di sale, lo zucchero e azionare il robot per alcuni secondi per mescolare bene il tutto.....

Ora aggiungere il lievito sciolto precedentemente in poco latte con un poco di zucchero, unire il burro fuso e appena tiepido, l'uovo sbattuto e, a filo, acqua ben calda fino ad ottenere un composto mordido.......e fin qui nulla di nuovo.......

Estrarre l'impasto, rilavorarlo brevemente, conferirgli una forma a palla, ungerlo di burro, inciderlo a croce, porlo in una scodella e metterlo a lievitare in forno con la sola luce accesa, sigillando la scodella con pellicola trasparente......

Quando l'impasto avrà raddoppiato il volume sgonfiarlo a pugno chiuso, rilavorarlo, dividerlo in due parti e stenderlo in modo da ottenere due rettangoli di simili dimensioni altrimenti uno solo sarebbe stato lungo come un tir.....




Precedentemente si saranno preparato le pere che, ridotte in dadolata verranno suddivise tra i due rettangoli e cosparse con una spolverata di zucchero.......



Ora comporre i due rettangoli, disposti su una teglia grande ricoperta da carta da forno, che hanno l'aspetto di uno strudel e pennellarli con del latte......



Porli di nuovo a lievitare in forno, sempre con la sola luce di cortesia accesa, e quando saranno di aumentati di volume .........




Infornare in forno preriscaldato e ventilato a 180° per circa 40' o perlomeno fino a doratura.....



Come appare nelle foto il dolce si presenta ben lievitato anche all'interno con i bei pezzetti di pera.....



Ben evidenti .......


E' basilare che le pere siano saporite e di grana fine......



Ma anche delle belle mele renette o di altra qualità possono andare bene .......



Vi sarà piaciuta questa ricetta???

Fatemi sapere!!!

21 commenti:

Jacktels Kochbuch ha detto...

Ciao Mammazan,

Il tuo pane sembra incredibilmente bella.
Potrebbe anche mordere il monitor.
Complimenti

Saluti da Norimberga Jacob

Snooky doodle ha detto...

che bonta! Adoro il pan dolce e questo con le pere e ancora piu galup :) Bravissima come sempre :)

manu e silvia ha detto...

Che soffice sembra questo pane: con la crosticina dorata ud un ripieno morbidiccimo e delcato, proprio grazie alle pere!
Solo per colazione o morenda? ma scherzi? questo pane sarebbe adatto per saziare la voglia di dolce di qualsiasi occasione!
un bacione

manu e silvia ha detto...

Che soffice sembra questo pane: con la crosticina dorata ud un ripieno morbidiccimo e delcato, proprio grazie alle pere!
Solo per colazione o morenda? ma scherzi? questo pane sarebbe adatto per saziare la voglia di dolce di qualsiasi occasione!
un bacione

Luciana ha detto...

Mi sembra di sentirne il profumo, molto bello e delicato; bravissima!!!
Ciao e buona serata!

marifra79 ha detto...

Troppo buono!!!!!!!Una fetta ci vorrebbe proprio!!!...cara perchè non passi da me?.....Un abraccio

iana ha detto...

Eccome se m'è piaciuta! Galup

Anna Righeblu ha detto...

Un magnifico dolce, soffice e con un gustoso ripieno! E foto sempre splendide!
Baci

Simo ha detto...

Ha l'aria di essere davvero sofficissimo e delizioso, dici che si può utilizzare anche la mela, al posto della pera? Qui non ne andiamo pazzi...
Un bacione e buonissima giornata

il_cercat0re ha detto...

siccome 'ste pere non è che mi facciano impazzire, io ci metterei un po' di mele e poi slurp! è davvero invitantissimo!

Lady Cocca ha detto...

Mamma mia Grazia è spettacolare...soffice e gustoso...aspetto di leggere questa ricettina che ti hanno spiegato, mi hai incuriosita!!!
ciaooooo

Federica ha detto...

wow ma che bontà hai sfornato anche oggi!! deve essere di una morbidezza incredibile!! bravissima come sempre!

Edi ha detto...

si decisamente mi piace!!! semplice, delicato, non troppo dolce... Mi ha fatto pensare al pane con l'uvetta che adoro!! bacioni

Mimmi ha detto...

A me piace molto la ricetta. Immagino la fragranza fin da qui!!!
Bacioni, Mik

Fra ha detto...

Un pane favoloso, deve essere profumatissimo e l'ideale per la colazione
Un bacione
fra

Clementina ha detto...

Semplicemente fantastico! buon fine settimana

Maurina ha detto...

Ho fatto anch'io un dolcetto veloce veloce con le pere. Questo e' il loro periodo buono, insieme alle mele. Grazie per l'idea.

cris ha detto...

Questo pane è senza dubbio molto "galup"........... Eccezionale Mammazan!!!

Ruby ha detto...

Ciao Grazia, come va?
Ma che pane meraviglioso! Viene proprio voglia di addentarlo ed annusarne tutta la profumata fragranza.
A guardar le foto fa venire proprio l'acquolina!
Buon fine settimana :)

Asa_Ashel ha detto...

Ho preparato questo pandolce l'altra sera, è stato il mio primo lievitato, per l'occasione avevo come assistente mamma che si è divertita un mondo perché le ha ricordato i tempi di quando da giovane faceva il pane. L'unica variante le mele, ne ho ancora molte da consumare e la fecola di patate al posto dei fiocchi, non so quanto abbia influenzato la cosa).Lievitato meravigliosamente (e ci credo, in cucina c'erano più di 30°)l'ho infornato nel forno a legna. Cottura perfetta, colori meravigliosi e il gusto molto delicato quel tocco in più per non essere un semplice pane ma nemmeno troppo dolce. Mi sono rimasti alcuni dubbi sul procedimento, ne scrivo nel mio blog nel post dedicato, se vuoi passare mi farebbe piacere un tuo parere. Ciao e grazie della ricetta.

Corso di pasticceria ha detto...

Sembra davvero soffice questo pandolce, complimenti per la realizzazione!

Durante il nostro corso di pasticceria insegniamo quanto sia delicato il processo di lievitazione e quali sono le rogole importanti da segire affinchè si possa ottenere un buon risultato.