venerdì 18 dicembre 2009

Sulla tavola di Natale un pane speciale: IL PAN NOCIATO


La cortesia è per l'uomo ciò che il calore è per la cera.......



Infatti, come la cera, dura e friabile per natura, con un po' di calore diventa così duttile da assumere qualsiasi forma........



Allo stesso modo con un po' di cortesia si possono rendere malleabili e garbate persone astiose e riottose......

Arthur Schopenhauer (1788-1860)



Allora ci siamo quasi????



Abbiamo stilato il menù per Natale e ancor prima per la vigilia?????



Ebbene ecco qui un'altra tentazione....un'altra proposta su cui eventualemente porre attenzione.....se si ha ancora voglia di preparare qualcosa di particolare......



E il bello è che per quanto si creda di aver preparato un menù sufficiente anche per i carabinieri a cavallo, spesso si rimane sbalordite per la capacità del nostri commensali, per quanto siano ormai al limite di contenimento gastrico, di far onore a tutto quello che prepariamo....insomma apprezzano veramente tutto e sempre con grande entusiasmo!!!!!!



Ecco qui un pane che mi sembra interessante proporre alle mie amiche, buono da solo , ottimo a colazione ma anche come accompagnamento a tutto quello che il menù prevede.....

Volendo lo si può preparare in anticipo ed eventualemente congelare......

Tempo di preparazione: circa 30' più il tempo della doppia lievitazione in tutto 4/5 ore
Costo: medio
Difficoltà:**

INGREDIENTI

Per la pasta da pane

300 gr di farina 00
200 gr di farina Manitoba
100 gr di farina integrale
40 gr di fiocchi di patate per purè istantaneo
25 gr di lievito di birra fresco
poco latte per sciogliere il lievito + un cucchiaio di farina
1 cucchiaino da the di sale

Per l'impasto speziato
50 gr di uva passa
50 gr di gherigli di noci
1/2 cucchiaino di chiodi di garofano in polvere
alcuni grani di pepe nero
1/2 bicchiere di vino rosso
50 gr di strutto
1/2 cucchiaino di sale
2 cucchiai di olio extra vergine


Ecco qui sotto le noci.....



E l'uvetta che va messa a bagno per almeno 30' in acqua tiepida e poi strizzata e asciugata.....



Cominciamo con lo sbriciolare il lievito fresco di birra in poco latte e un cucchiaio di farina mescolando il tutto con cura.....

Si dovrà formare una schiumetta soffice come una panna...come dice mia madre.....



E qui sotto il pecorino fresco ....non dovrebbe essere difficile da trovare...in sostituzione penso che forse il primo sale potrebbe andare bene .....si può tentare....




Per la preparazione della pasta da pane procedere come di consueto: versare nel boccale del mixer le farine. i fiocchi di patate, il cucchiaino di sale, azionare il robot per mescolare il tutto e versare a filo il lievito ormai sciolto aggiungendo, sempre a filo, dell'acqua ben calda fino ad ottenere un composto morbido che va poi rilavorato brevemente, inciso a croce, sistemato in una scodella, unto con olio, coperto con pellicola trasparente e posto a lievitare in forno con la sola luce accesa fino al raddioppiamento del suo volume......



Intanto strizzare e asciugare l'uvetta e mescolarla con 3 cucchiai di pecorino grattugiato......

Tagliare a dadini il resto del pecorino........

Aggiungere le noci spezzettate e mescolare il tutto con lo strutto......



Ecco qui sotto il vino che ho usato: un vino rosso, robusto e fermo......



Ne basta un mezzo bicchiere......



Unire ora 2 cucchiai di olio, i chiodi di garofano in polvere, qualche grano di pepe nero e mezzo cucchiaino di sale.....



Mescolare il tutto perfettamente.....



Ora riprendere in mano la pasta da pane che ormai avrà raddoppiato il suo volume, sgonfiarla a pugno chiuso, allargarla sul piano di lavoro, versare al centro il composto precedentemente preparato.....


E con pazienza lavorare il tutto fin quando la pasta da pane avrà inglobato il composto preparato....


Io ho diviso l'impasto in tre porzioni che ho sistemato in altrettanti stampi da plum cake della misura classica ungendo quelli che sono di vetro.....quello al silicone non ne ha bisogno......

Rimettere i tre stampi al calduccio nel forno con la sola luce di cortesia accesa e lasciare riposare per 3 ore.......



Tanto nel frattempo sicuramente avrete altro da fare........



Infornare ora in forno preriscaldato e ventilato a 180° per circa 30'/40' o perlomeno fino a doratura.......


Far raffreddare perfettamente .........



Ed eventualmente congelare fino al momento opportuno......



Poi un'aria di forno renderà al pane tutta la sua fragranza...e anche questa è fatta!!!!!!!

9 commenti:

Laura ha detto...

Davvero molto particolare questo pane arricchito, complimenti per quest'idea....
Un abbraccio e buona giornata!!!

Simo ha detto...

Che meravigliosa consistenza ha questo pane...sai che pensavo fosse un dolce? Invece ho scoperto che si può abbinare anche alle pietanze....
Un abbraccio e buona giornata!

Ale ha detto...

bellissimo, tra il salato e il dolce, lo trovo adatto al Natale

stefi ha detto...

Buongiorno!!
Hai fatto benissimo a farmi l'appunto, ci avevo pensato anche io ma ormai èra troppo tardi, ci avevo già spolverato lo zucchero sopra!
Questo tuo pane invece è perfetto e....... profumato e ........ buonissimo!!!!
Buon fine settimana!!!

manuela e silvia ha detto...

Questo si ch eè un bel pane alle noci! dal sapore intenso e rustico!
bacioni

marifra79 ha detto...

Adoro le noci...le mangerei anche a colazione!In un pane?Che idea!!!!
UN ABBRACCIO e buona giornata

Simplemente cocinera ha detto...

Assolutamente meraviglioso!!! Cara Grazia, è sempre un piacere entrare nella tua cucina. Oggi ho pubblicato una variante de la torta de prugne senza zucchero, pressa di una ricetta del libro Cucchiaio Verde la Bibbia della Cucina Vegetariana. E un po' diversa della tua, però sempre invitante e giusta per queste feste. Ho anche citato il tuo post, perche è cosi che ho ricordato questa ricetta, per chi volesse altra alternativa e anche consigliando la visita alle tue preziose ricette. Approffito la occasione per farti gli Auguri di Natale e ringraziarte per condividere tante bellisime ricette, giusto come questo pane.
Comunque mi ha lasciato la pulce nel orecchio e torno a rifare la torta alla tua maniera, però con la farina di riso glutinoso e amido di mais che mi aspettano nella dispensa. Un grosso abraccio!! Da una Triete a piena Bora! Sil

Mimmi ha detto...

Mhhhm, gnam gnam!!
É chiaro il concetto?
Un bacio, Mik

Luca and Sabrina ha detto...

Ancora cara Grazia, non abbiamo stilato il menu, ma sappiamo che sarà in parte legato alle tradizioni, in parte più creativo. Il tuo pan nociato starebbe benissimo sulla nostra tavola, ci hai fatto venire l'acquolina al cuore ed in bocca, è una meraviglia! Stiamo ancora valutando se fare per la prima volta il panettone in casa, cosa difficilissima, ma ora che abbiamo visto questo tuo pane, stiamo pensando di provare anche noi. Ci riusciremo? Non è semplicissimo, ma si può fare!
Un abbraccio da Sabrina&Luca