martedì 7 dicembre 2010

E se per Natale regalassimo dei......CUPARI'???



Un mondo senza amore che sarebbe per il nostro cuore????



La stessa cosa che una lanterna magica senza luce.......

Goethe (1749-1832)



Ci siamo preparando a festeggiare il Natale.......



Quanti preparativi: gli addobbi per la casa..le prossime corse folli per acquistare, senza svenarci, i regali per famigliari e amici .....



Stiamo elaborando il menù per i pranzi più o meno pantagruelici........



Spesso, però, il mio anzi credo i nostri pensieri siano rivolti a coloro per i quali il Natale anzi tutti i prossimi natali saranno una festa da dimenticare.......



Conosciamo tutte la sorte toccata a Sara ( i media implacabili ormai ci hanno perseguitato per settimane con nuove rivelazioni, illazioni...insomma ancora non si capisce bene cosa sia veramente successo) ......

Ma cosa sarà veramente successo alla piccola Yara col suo faccino pulito, con la macchinetta per i denti, con i suoi occhi sognanti??????



Mi auguro veramente di cuore che l'epilogo di questa storia non sia drammatico anche se da parecchi giorni la sensazione che qualcosa di veramente brutto le sia capitato mi opprime.......

Siamo tutte o quasi tutte mamme e ci sentiamo toccate nel vivo quando leggiamo, sentiamo che qualche avvoltoio si sia appropriato di una vita innocente......


Lo so ...le mie esternazioni sembreranno inadeguate per un blog di cucina...ma quante di noi mentre fanno la spesa, cucinano , rassettano la casa non pensano a lei anzi a tutti i bimbi che scompaiono nel nulla e ce ne sono veramente tanti?

Tempo di preparazione: circa 20'
Costo: medio
Difficoltà:*

INGREDIENTI per circa 50 biscotti

100 gr di mandorle spellate e tostate
300 gr di farina 00
1 bustina di lievito per dolci
1oo gr di zucchero
180 gr di burro
1 tazzina di alcol puro
1/2 tazzina di latte
zucchero a velo q.b.


Le mandorle, spellate ( si acquistano già pronte oppure vanno immerse per pochi minuti in acqua ben calda e, pazientemente vanno private della pellicina) devono essere tostare per 7'/8' in forno a 150°......




Le frulliamo con lo zucchero, il burro fuso e appena tiepido, la farina, precedentemente setacciata con il lievito......



Ora, e questa è la caratteristica dei biscotti, uniamo una tazzina da caffè di alcol puro.....



E mezza di latte.......



Azioniamo ancora il mixer fino ad ottenere un composto omogeneo.......



Lo preleviamo dal robot e lo lavoriamo brevemente....



Ne stacchiamo delle piccole porzione a cui conferiamo una forma regolare e le posizioniamo su due o tre placche da forno ricoperte da carta da forno.......un po' distanziate.....



Vanno quindi poste in forno, nella parte alta, preriscaldato e ventilato a 170° per circa 10'.....



Mentre i biscottini sono ancora caldi li rotoliamo in abbondante zucchero a velo....



Se li possediamo andrebbero sistemati uno per uno nei pirottini piccoli.....



Ma, come si vede dalle foto, ...io li ho finiti......



15 commenti:

Shade ha detto...

dai che belli! di dove sono originari queste delizie?
mi ricordano dei dolcetti siciliani...
se ti va, passa a ritirare un piccolo premio sul mio blog!
http://bigshade.blogspot.com/2010/12/doppio-premio-da-parte-di-erika-e.html

manuela e silvia ha detto...

Eh si, ora iniziano i preparativi!!
Questi dolcetti di mandorle sono fantastici: dal sapore amarognolo, ma molto dolci e ricercati!! e poi semplicissimi!!
te ne rubiamo un paio!
baci baci

raffy ha detto...

che meraviglia...devono essere troppo buoni, complimenti Grazia!!!

Luciana ha detto...

Davvero buoni questi dolcetti, mi piaccioni molto..sei sempre molto brava!!!

Luca and Sabrina ha detto...

Già, anche noi ci auguriamo che ci siano risvolti positivi nella scomparsa di Yara, anche se le notizie degli ultimi giorni fanno svanire anche le speranze. Ci domandiamo Luca ed io che mondo è questo, che non ha rispetto nè per le donne, nè per i bambini, un mondo in cui persone depravate sfogano i loro istinti su persone indifese e poi per coprire le tracce uccidono le loro vittime, così da ucciderle due volte! Ci vorrebbero pene severissime di fronte a certi crimini. Ci vorrebbe più cuore nell'essere umano. Siamo sgomenti.
Interessante la tua proposta, non solo potremmo regalarli questi biscotti, potremmo anche portarli a tavola a Natale, mi sono studiata bene la ricetta e so che con le tue non si sbaglia, ogni volta che mi sono cimentata sono sempre state un successo, a differenza di quello che è capitato l'altro giorno che ho preso spunto da un'altra ricetta in rete e l'amara sorpresa è stata scoprire che le dosi degli ingredienti non tornavano nemmeno un po', morale abbiamo buttato tutto. Annoto e metto in lista i Cuparì!
Baciotti
Sabrina&Luca

Angelica ha detto...

Io credo che anche se volessimo rimanere fuori da ogni notizia negativa che sentiamo in televisione, non ci riusciremmo!!!Siamo circondati da notizie che provengono da tutti i media, quindi l'unica cosa da fare e sentire e non farsi condizionare troppo!
Per quanto riguarda la ricetta che hai postato, questi "cupari" sembrano buonissimi!!!
Ne vorrei uno ora col caffè!!!

marsettina ha detto...

questo dolce buonissimo non ci consola affatto ma forse ci fa dimenticare per un attimo queste brutture che accadono!

terry ha detto...

Parole sentite e vere le tue, condivido i pensieri!
Belli questi biscotti che sembran bignè! non li conoscevo e già mi piacciono! :)

Roberta ha detto...

oddio che visione celestiale!! bravissima mammina zan! ne agguanto una dozzina ^_^ smack

Simo ha detto...

Che buoni, non li conoscevo....ma già li adoro!

federica ha detto...

io non sono ancora mamma, ma devo dire che tutte queste storie mi mettono molta paura...come si può commettere crimini del genere??? Io non sono molto paurosa, ma ammetto che ultimamente evito qualsiasi situazione potenzialmente pericolosa...questi dolcetti sono mlto carini e deliziosi, come tutto quello che fai! un bacione buona festa dell' Immacolata!

Puffin ha detto...

Meraviglisi questi dolcetti i mandorle!! complimenti

lucy ha detto...

...già non farmi pensare a certe cose, da mamma raccapriccio.ottima proposta per il natale, sai che non conoscevo laa ricetta?grazie mille dei complimenti!

eli ha detto...

Siamo veramente circondati da brutte notizie! Sara, Yara, i sette ciclisti...come dicevi tu, chi è mamma non riesce mai ad essere del tutto tranquilla!
Da dove deriva il nome di questi biscottini? sembrerebbero siciliani.

jeneregretterien ha detto...

è vero, chi è mamma prova una stretta al cuore. Io ogni sera penso a Yara, voglio pensarla viva, anche se spaventata. Povera piccola, penserà che tutti l'abbiano abbandonata.

Grazia, stasera ho fatto questi biscotti, sono davvero molto buoni. Metterò in lavorazione una quantità industriale per Natale. Con i pirottini fanno un figurone.
sempre grazie per i tuoi consigli. Un abbraccio
Claudia