giovedì 3 febbraio 2011

Pane ai semi di lino e finocchio


Un assurdità è una qualunque proposta avanzata dai nostri avversari.......



Contraria al nostro modo di fare, o al di sopra della nostra comprensione......

Horace Smith (1808-1883)



Ecco qui oggi una ricetta abbastanza interessante, almeno per il mio gusto, e che ha incontrato il favore dei mie cari...

Le foto d'inizio post mostrano l'utilizzo che ne abbiamo fatto in casa , infatti mio genero aveva acquistato sia il lardo che la "paglierina" che è una formaggetta dall'aspetto innocuo ma dal profumo inconfondibile capace di appestare il frigo in modo quasi letale.....

Come si potrà vedere in seguito ho preparato due filoncini: il primo consumato subito e l'altro congelato e utilizzato in un secondo momento e con successo.....

Tempo di preparazione: circa 20' più il tempo di ammollo dei semi di lino: almeno 3 ore
Costo: Basso
Difficoltà:*

INGREDIENTI

220 gr di farina integrale
100 gr di farina 00
100 gr di farina integrale di segale
1 cubetto di lievito di birra fresco da 25 gr
1/2 cucchiaino di zucchero
1/2 cucchiaino di sale
55 gr di semi di lino
3 gr di semi di finocchio
poco olio per ungere l'impasto


Mettere a bagno in acqua fredda i semi di lino per almeno 3-4 ore......

Passato questo tempo iniziamo a preparare il pane: sciogliamo il lievito di birra fresco in poca acqua appena tiepida con 1/2 cucchiaino di zucchero.........

Mescolare con cura le tre farine, versarle nel bicchiere del mixer e unire i semi di finocchio e il sale....



Azionare il robot per pochi secondi, quindi scolare i semi di lino ( conservarne una piccola quantità) unirli alle farine e unire il lievito ormai sciolto......

Azionare il mixer fino ad ottenere un impasto morbido unendo, a filo, poca acqua ben calda......

Ripeto: l'impasto deve essere morbido ma non appiccicoso....

Estrarre la massa dal boccale, lavorarlo per pochi minuti, inciderlo a croce, ungerlo con poco olio e porlo a lievitare in una scodella, sigillata con pellicola trasparente coperta con un plaid o nel forno con la sola luce di cortesia accesa.....

Lasciarlo lievitare fino al raddoppiamento del suo volume.....



Ora dividere l'impasto in due, formare due filoncini che vanno incisi in diagonale e cosparsi ancora con dei semi di finocchio e con i semi di lino lasciati da parte .....




Far lievitare ancora per 30'/40' e poi infornare in forno preriscaldato e statico a 200° per circa 30'.......



Può essere un'idea preparare pani diversi e porli in tavola con gli antipasti magari con pezzature più ridotte...

La ricetta è tratta dal bel libro "Facilissio in cucina: cucinare con il pane"

L'idea l'ho proposta ...poi si fa quello che si può!!!

Buona giornata a tutti!!!!

11 commenti:

raffy ha detto...

è meraviglioso questo pane, profumatissimo... complimenti cara!!

annaferna ha detto...

wow!!!...incontri i miei gusti...sono ghiotta di pane integrale(!?) e semini vari .
Grazie Grazia ^____^
buona giornata...anzi meravigliosa giornata a te!!!!

colombina ha detto...

ha un aspetto assolutamente delizioso, brava cara, un bacione

Manuela e Silvia ha detto...

Ciao! ottimo questo pane: dla sapore leggermente rustico, con tanti semini molto profumati e gustosi! ce lo segnamo che lo proviamo anche noi!
baci baci

Mari e Fiorella ha detto...

Proprio una bella idea....copiamo....saluti e baci....

viola ha detto...

Carissima Grazia, mi piace molto il ane con i semini....lo adoro tutto e il finocchio in particolare. Mi segno la ricetta anche se non so perchè in questo periodo non ho voglia di fare il pane :(
Si va un pò a periodi, ma appena mi torna la frenesia del pane lo provo!
Un bacione

unika ha detto...

invitante questo pane.....un bacio
Annamaria

Anonimo ha detto...

Importante per un'alimentazione corretta ;la fibra fa bene alla salute.

Fatima

Erica ha detto...

è bellissimo persino da crudo!!!

La Gaia Celiaca ha detto...

questo pane sarà mio quanto prima!
ovviamente con le dovute modifiche...

eli ha detto...

Bellissimi filoncini!
Ahahahah mi hai fatto ridere con il formaggio dall'aroma letale!
Ogni tanto capita anche a me di comprare formaggi che si "esprimono", però quanto sono buoni!