lunedì 29 marzo 2010

E per Pasqua prepariamo la Tourte Bourguignonne


Se un dio ha creato questo mondo........



Non vorrei essere quel dio..........



La miseria del mondo mi spezzerebbe il cuore....

Arthur Schopenhauer ( 1788-1860)



Avverto subito......



Le foto sono parecchie e soprattutto tante sono quelle eseguite durante la preparazione della Tourte.......


Ho sbagliato a scegliere lo sfondo della tortina più piccola che ha conferito alla stessa un livido color magenta...... ma il colore di questa è identico a quello dell'altra più grande...gli ingredienti e la cottura sono identici......



E' una preparazione particolare...da eseguire anche una sola volta all'anno ma credo ne valga la pena.....



Voto dato da mia figlia...da 1 a 10...è stato 15...vediamo poi come la valutate voi......



Sempre stelline e cuoricini per la decorazione...ma avevo bisogno di creare un "camino", assolutamente necessario, e poi il resto della decorazione è venuto da sé......



Se poi alla carne di vitello si sostituisce quella di agnello la tourte acquista ancora di più un sapore pasquale........



Un'ultima annotazione: la pasta à foncer va preparata, come suggerisce la ricetta, con lo strutto che ho ridotto parecchio rispetto a quanto raccomandato.

Questi conferisce una friabilità ed un sapore particolari....le piadine, per esempio, vanno preparate con lo strutto che le rende indimenticabili.......

Ma se si preferisce optare per il burro il sapore del "guscio" sarà un po' diverso ma ancora accettabile......

Tempo di preparazione: circa 40' più il tempo di riposo della pasta
Costo: medio
Difficoltà:**

INGREDIENTI

Per due piccole teglie da 16 cm di diametro di base

Per la pasta à foncer
250 gr di farina 00
80 gr di strutto
5 gr di sale
Acqua molto fredda
q.b.

Per l'impasto
400 gr di carne trita magra
200 gr di lardo
1 ciuffo di prezzemolo
1 scalogno
1 uovo intero
1/2 cucchiaino di spezie varie
sale e pepe
1/2 bicchierino di brandy o cognac



La pasta à foncer va preparata in anticipo, l'ideale sarebbe quella di prepararla almeno 2 ore prima dell'utilizzo comunque il riposo in frigo non deve essere inferiore ai 30'/40'

Versare nel boccale del mixer la farina, lo strutto, il sale e acqua freddissima, versata a filo mentre il robot è in funzione fino ad ottenere un impasto di media consistenza.......



Lavorarlo ora brevemente ed avvolgerlo in un foglio di pellicola trasparente........

porre a riposare in frigo, nella parte bassa, per almeno 30'/40' anche di più se possibile.....



Mentre la pasta riposa tritare il prezzemolo........



In una scodella porre la carne di vitello tritata ( deve essere magra...io ho usato carne tritata da mangiare cruda, lo scalogno tritato fine, l'uovo.........



E il lardo tritato a coltello........



Una spolverata del preparato in polvere che ho allegato più sotto......



Fotografato sul davanti per mostrare marca e nome.....



E sul lato "B" per gli ingredienti di modo che se non fosse reperibile potesse rappresentare una traccia per usare le spezie più importanti che la compongono.....



Dulcis in fundo un bicchierino di cognac o brandy...dipende da quello che si ha a disposizione.....



Ora infilare un guanto di quelli aderenti usa e getta ed impastare a mano fino ad amalgamare perfettamente i vari ingredienti....

Regolare di sale e pepe...



A questo punto tirate la sfoglia con il matterello ad uno spessore di 3/4 mm e posizionarla in una teglia imburrata ed infarinata.......

Alla luce del risultato consiglio invece di foderare la teglia con carta da forno bagnata e strizzata perché mi è capitato che un po' di "sughino" della preparazione è fuoruscito e ha saldato la tourte al fondo in alcuni punti......

Poi l'ho convinta a staccarsi ......



Fermare delle quenelles con l'impasto e disporre come appare in foto.....

Stendere una seconda sfoglia, fare al centro il camino con un taglabiscotti di piccole dimensioni e disporla sulle quenelles ......



Inumidire la sfoglia superiore e rimboccare quella inferiore , decorando il contorno e la parte centrale come appare in foto......



Piccolo particolare......



La seconda tortina più piccola è stata preparata con le stesse modalità ma la finizione è stata diversa perché la pasta era poca e dovevo chiuderla in qualche modo.....



Pennellare con un goccio di latte........



Ed infornare in forno preriscaldato e statico a 180° per 40'50'......



Nella parte centrale...nel camino si vedrà apparire del liquido di cottura .......



L'ho assorbito con della carta da cucina......



Si può mangiare tiepida o fredda.......



Invece credo che tiepida sia la condizione migliore per gustarla......



Magari una volta all'anno.......



Ma vale la pena di prepararla......e mangiarne anche solo un pezzettino piccolo per non sentirsi particolarmente in colpa!!!

19 commenti:

Edith Pilaff ha detto...

CAPOLAVORO!!!
Proprio oggi ho comprato "French Regional cooking" di Anne Willan,per me il libro piu' bello sulla cucina francese.Queste tue foto sembrano essere uscite dritte dritte dal libro.
Un abbraccio e a presto.

La Gaia Celiaca ha detto...

che bellezza!

in effetti sembra un po' elaborata, ma come dici tu, una volta l'anno...

complimenti... ma che lo dico a fare, ormai si sa!

Luciana ha detto...

Ciao è buona e particolare!!!! abbastanza completa negli ingredienti...complimenti, un bacio

Damiana ha detto...

La fragranza e il gusto di questa torta è lampante,con questi ingredienti è un successo.Beh la sugna quando ci vuole,ci vuole.Un bacio!

raffy ha detto...

quanto è bella....il ripieno poi è pazzesco....Bravissima!!! tanti auguri, ci rivediamo dopo le vacanze!!

lucia ha detto...

Che torta sontuosa, da pranzo pasquale!! Ma che lavoro! E sei bravissima nel decorarla! Ciao e a presto, Lucia

RicetteAmoreFantasia ha detto...

é sicuramente un tortino da provare...e secondo me più di una volta l'anno...deve sessere molto gustosa, coplimenti

colombina ha detto...

ottima idea... sto pianificando il menu di Pasqua e mi sembra deliziosa!!! Baci

Lady Cocca ha detto...

Spettacolare!!! e deve essere sicuramente ottima....brava Graziaaaaaaaaaaaaaaa

Claudia ha detto...

Grazia mia!!!! ma è uno spettacolo! deve essere davvero molto buona.. e l'impasto saporitissimo nonostante sia vitello magro!!!!! smack!!!!:-)))

Ely ha detto...

non la conoscevo questa ricetta!!! mi pare splendida davvero!!!!!! baci

Clementina ha detto...

Semplicente divino! che darei per un pezzetto! Baci Clementina

manuela e silvia ha detto...

Per quanto gettonati, stelline e cuoricini fanno sempre la loro figura!!
Proprio diversa questa torta: un secondo piatto ricco e gustoso! perfetto per il pic nic di pasquetta!
un bacione

eli ha detto...

Buonissima!
L'esecuzione non è poi così complessa...si possono dividere le fasi di preparazione.
Per Pasqua preparerò un menù vegetariano, ma questa me la segno per un'altra occasione in cui avrò una presenza di carnivori più massiccia eheheheh!

malù ha detto...

Laboriosa ma ne vale la pena, complimenti!

Laura ha detto...

Che precisione, complimenti!!!
La voglio provare ;)

jeneregretterien ha detto...

poco fa ho pensato a te ed alla tua Torino.
Guarda che dicono queste bestie
«La vittoria di Torino è clamorosa — sorride Cicchitto —. Politicamente parlando, uno “stupro”. La caduta della città dell’intellighentsia azionista e comunista segna definitivamente il cambio dell’egemonia culturale nel Paese».

http://www.corriere.it/politica/speciali/2010/elezioni/notizie/il_premier_ripete_l_operazione_rimonta_sul_modello_2006_aldo_cazzullo_c9580034-3bba-11df-80d0-00144f02aabe.shtml

Max ha detto...

Mamma che capolavoro, che ripieno ricco di sapori, mi ubriacherei bevendo un buon rosso con questa tua preparazione, ma dove sei!!! ti vengo a trovare non si può resistere a tali squisitezze e che decorazioni belle che fai. Bravissima come sempre, ciao.

il cuoco ha detto...

Grazie per a visita e per i complimenti .. ,etterò il tuo blog tra i iei preferiti ho visto delle idee molto utili per il mio lavoro. Ciao