lunedì 5 maggio 2014

Ancora un po' di New York


Si ha una vaga fantasticheria quando le idee vagano per la mente senza considerazione alcuna o senza considerazione dell'intelletto..
John Locke ( 1632.1704)

Qui ci troviamo alla Stony Brook University presso la quale il mio amico Angelo tiene due serie di lezioni, una delle quali in  italiano ad un nutrito gruppo di  americani  che vogliono imparare la nostra lingua...
Mi ha invitato a partecipare e a parlare, sempre in italiano ma molto lentamente, delle mie esperienze in campo lavorativo, della nostra amicizia, delle mie impressioni e ricordi di quando sono andata a New York nel lontano 1969.....


E qui sotto un poco dell storia e delle attività di questa università....

"Dai suoi inizi A mezzo secolo fa, Stony Brook University è stata caratterizzata 
da innovazione, energia e progresso, trasformando la vita delle persone che guadagnano gradi, il lavoro e fare scoperte rivoluzionarie qui. Un drammatico traiettoria di crescita ha trasformato quello che era una volta una piccola insegnante di preparazione universitaria in un istituto di ricerca riconosciuto a livello internazionale che sta cambiando il mondo.

Portata di Stony Brook si estende dal suo campus di 1039 acri sulla North Shore-che comprende le principali aree accademiche, uno stadio di 8.300 posti di Long Island e complesso sportivo e Stony Brook Medicina a Stony Brook Manhattan, un Parco di Ricerca e Sviluppo, quattro incubatori di imprese tra cui uno a Calverton, New York, e il campus Stony Brook Southampton sulla East End di Long Island. Stony Brook anche co-gestisce Brookhaven National Laboratory, unendo Princeton, l'Università di Chicago, Stanford e l'Università della California nella lista delle principali istituzioni coinvolte in una collaborazione di ricerca con un laboratorio nazionale. 

E Stony Brook è ancora in crescita. Per gli studenti, gli studiosi, i professionisti della salute, gli imprenditori e tutti i membri stimati che compongono la vivace comunità Stony Brook, questo è un non solo un grande università locale e nazionale, ma uno che sta facendo un impatto su scala globale."







Qui siamo a New York nel pomeriggio dello stesso giorno....



Amsterdam Avenue...



La Casa Italiana..
Fu costruita nel 1917 e restaurata nel 1993.
Fa parte della Columbia University e sorge sulla 12th Street ortogonale alla 5ty Avenue
Per saperne di più visitate il link allegato qui sotto.
http://www.americaoggi.info/2010/10/11/21006-casa-italiana-della-nyu-una-grande-potenza-italiana-america




La sera in questo teatro così raccolto e confortevole i miei amici ed io abbiamo avuto la gioia di assistere ad un concerto veramente ricco di pezzi notevoli e ottimamente eseguiti...



Le immagini qui sotto allegate sono state tratte da Internet non avendo io potuto scattarle di persona, per non disturbare i presenti.. 

La Salomè Chamber Orchestra è stata fondata dai fratelli Carpernter che vedete nella foto qui sotto....
Giovani e  bravissimi hanno interpretato in modo perfetto vari brani musicali 
Da sinistra Sean Avram, il solista al centro è David Araon, e alla sua destra la bellissima e flessuosa sorellina  Lauren Sarah Carpenter....


E qui sotto tutti insieme alla loro bellissima mamma che ho avuto il piacere di conoscere ...
Penso solo a quanto possa essere orgogliosa di aver messo al mondo tre ragazzi così belli e pieni di talento...



Una chiesa molto antica e particolare che sorge sulla stessa strada della Casa Italiana..

La Columbia University fondata nel 1754...

La Columbia University è una università statunitense privata, facente parte della Ivy League. È considerata una tra le più prestigiose e famose del mondo.



Una vera città nella città con un numero incredibile di edifici, parchi....
"Venne fondata nel 1754 per volere di re Giorgio II di Gran Bretagna, nel periodo cioè in cui il legittimo governo di New York era quello di Sua Maestà britannica. Si trova a New York sul lato occidentale dell'isola di Manhattan, nell'Upper West Side.
Il nucleo dell'Università era il King's College, il cui nome campeggia ancora sull'architrave dell'edificio principale in cui è ospitata la biblioteca, ma il nome ufficiale cambiò nel 1784 quando, con la rivoluzione americana, divenneColumbia College, sottolineando in tal modo le lontane ascendenze europee precoloniali del continente. Nel 1896 diventò "Columbia University in the city of New York": nome che mantiene tuttora."
  

"La Columbia University è inoltre celebre per l'organizzazione di competizioni internazionali di varie discipline tra cui chimica, fisica e matematica. L'ultima competizione si è tenuta proprio nel 2012 e ha visto vincitrice l'Italia nel campo della matematica e fisica attraverso la risoluzione del problema di Fermat, poi soprannominato in modo diverso dal vincitore a cui è stata conferita la National Medal of Science."



"Tra i personaggi di rilievo che hanno studiato presso la Columbia University, da segnalare, il terzo campione del mondo di scacchi, il cubano José Raul Capablanca e lo storico della matematica Carl Benjamin Boyer e Robert R. Livingston, il noto patriota e uomo politico statunitense.
Anche alcuni presidenti degli Stati Uniti l'hanno frequentata: tra essi spiccano i nomi di Theodore Rooseveltpremio Nobel per la pace nel 1906, e Barack Obama, premio Nobel per la pace nel 2009".

Il mattino seguente Myriam ed io siamo andata  da Cosco un  enorme ipermercato che sorge non lontano da casa sua...raggiungibile con la macchina ovviamente!!
Sia per entrare che per uscire occorre mostrare la tessera...




Il pastrami che avete visto usare nelle mie ricette qui in confezione sottovuoto..
Esistono vari scaffali colmi di prodotti Kosher..
.



Ovviamente qui è tutto più in grande....



E la varietà di dolci confezionati a prezzi accessibili è infinita....
Ne ho fotografati solo alcuni..







Nel pomeriggio siamo andati a Midtown 34th-35th Street questa volta in macchina trovando posteggio in un parkig sotterraneo....





Stiamo per entrare da Macy's sponsor unico, credo, del programma televisivo Ballando con le stelle che noi abbiamo copiato ma non con gli stessi risultati.. così mi hanno detto i miei amici..








Qui sotto ho tratto da Internet alcune informazioni utili per mostrare altri punti vendita che si trova nei paraggi....
Un'alternativa al dispendioso shopping sulla 5th Avenue sono i department store, grandi negozi dove i capi delle più prestigiose case di moda sono proposti al 40-60% in meno.
L'outlet Century 21 di New York è tra i department store più amati della città, centralissimo e sempre affollato. Più “essenziale” rispetto a diretti concorrenti come Macy's, propone un'ampia gamma di prodotti griffati con supersconti sbalorditivi.
 7 piani del Century 21 ci impegneranno di certo un bel po' di ore...ma le sorprese sono sempre in agguato. La scelta è impressionante, e trovare pezzi unici non è certo un'impresa...aspettatevi tuttavia di “scavare” tanto, incontrando magari anche abiti vintage e demodè. Ce n'è per tutti i gusti: uomo, donna, bambino, accessori e profumeria, a prezzi scontatissimi ma non per questo superaccessibili. Solo a NY il Century 21 ha ben 6 negozi.



Si trova tra 51 W. 34th St. (Broadway e 7th Ave.


I10 piani del centro commerciale Macy's a New York sono un'esperienza imperdibile per gli shopping addict. Retailer tra i più noti degli stati uniti, Macy's nasce nel 1924 e produce l'annuale parata del Giorno del Ringraziamento, oltre a sponsorizzare dal 1976 i fuochi pirotecnici del 4 Luglio.
ALLA SCOPERTA DI MACY'S. Il piano terra del centro commerciale Macy's è occupato da Macysport e dall'abbigliamento maschile basic e casual. Ancora, potremo acquistare souvenir o gustose primizie al The Cellar. Al primo piano sono accessori e capi di numerose griffe, da Louis Vuitton a Polo Jeans. Al secondo spazio a cosmetici e collezioni uomo, mentre al terzo ci attende Starbucks per una sosta rigenerante. Si riparte al quarto piano con l'abbigliamento Junior, al quinto con le scarpe femminili ed al sesto con la lingerie. I piani successivi ci riservano ancora numerose sorprese: tutto per bambini e neonati, sportswear donna, articoli da regalo e per sposi, letti, materassi, gioielli e mobili.
Prima di dare il via al nostro tour, meglio procurarci una piantina dell'edificio, disponibile presso tutti i piani. Qualora ne avessimo la necessità, al secondo piano, alla Visitor's Service area potremo richiedere un servizio di Shopping assistance (personal shopper) o informazioni turistiche.
51 W. 34th St. (Broadway e 7th Ave.) 
Vi lascio care amiche alle immagini di questo enorme centro commercial, il Macy's appunto, negli altri che ho mostrato più sopra non ci siamo andati per motivi di tempo e di stanchezza.......
Com'è possibile notare la profusone di piante e fiori di ogni tipo è straordinaria..



Il  mio amico mi ha detto che durante la notte una squadra di giardinieri provvede alla cura, all'innaffiamento e alla eliminazione dei fiori appassiti o danneggiati....



Un costo che si aggira sul milione di dollari...ma l'affluenza di compratori è tale che penso che il magazzino possa rientrare facilmente nelle spese....















Varie boutiques..









Fotografare questa dama interamente ricoperta di rose , veramente unica e bellissima, è stata un'altra impresa: la folla che si accalcava per ammirarla era enorme...












Qui ci troviamo al piano inferiore....
Tutto dedicato agli elettrodomestici che possiamo usare nelle nostre case....




Pranzo al Pax tra la 2th e la 6 th Avenue prima dello spettacolo serale alla Casa Italiana...



Qui ci troviamo sul retro della Briant Park Library sulla 42 th Street
Una bella coppia di cavalli molto gettonati dai turisti per farsi immortale accanto ad essi...
Fotografarli senza nessuno ha richiesto un poco di pazienza...



Uno scorcio sulla 6 th Avenue


La carrellata per oggi è terminata....
Alla prossima!!!

4 commenti:

Laura Zarri ha detto...

Che bello! Quanto mi piacciono questi viaggi virtuali. Grazie delle foto!!!

virgikelian ha detto...

Grazie hai fatto un viaggio stupendo. Grazie della condivisione. Tutto molto interessante.
Buona settimana.

eli ha detto...

Mi ero persa il tuo viaggio a New York! Non sono stata molto presente sui blog di recente e ogni tanto mi perdo un pezzo!
Che bella esperienza e quante cose hai visto!
Grazie per averle condivise con noi!
Un bacione!!

Roberta ha detto...

grazie per avermio rallegrato la giornata con le tue foto.non sono mai stata a new york e mai forse ci andrò (non prendo l'aereo..)