martedì 23 agosto 2011

Black vegan cake


Sono molti a starsene con le dita nel naso mentre la nazione vive i suoi momenti storici.......



E per lo più questi signori provengono da famiglie nelle quali mettere le dita nel naso è considerata una cosa orribile....

Stanislaw Jerzy Lec ( 1909-1966)



Ci pensavo l'altro giorno.....

Ma tu guarda quante cose sono diventate necessarie quando nasce un bambino....

Il fasciatoio ( io cambiavo i miei o sul letto o su un tavolo)....

I pannolini usa e getta ( io usavo quei maledetti ciripà e non finivo mai di metterli a bagno nelNapisan ..e per fortuna avevo la lavatrice ma allora la lavatrice ce l'avevano tutti ma proprio tutti!!..stenderli, sperando che il tempo fosse buono e si asciugassero in tempo utile e ..ripiegarli)...

Il maialino ( mia figlia non l'ha ancora acquistato ma ci sta facendo un pensierino)...

Si tratta si un contenitore, a prova di odore, in cui è possibile stivarne fino a 150....

L'angel care per controllare se il bambino respira regolarmente ( a dire il vero anche io avevo qualcosa di simile)...

L'ovetto per portarli in giro in macchina e passeggio.....

Il seggiolino, obbligatorio per fortuna, omologato per il trasporto in macchina...ma giusto ieri sera tornando a casa ho visto un pick -up nel quale, accanto allo sconsiderato padre, sedeva senza protezione alcuna una bella bimba ....

Credo che potrei continuare per un bel po' nello stilare questo elenco e desidero aggiungere in chiusura che anche allora , e parlo di 35 anni fa, c'era l'uso ( per me era una novità) dello scambio di indumenti , passeggini e tutto quello che poteva servire per un bimbo......

E me lo avevano consigliato ( con tangibile contributo) le mie amiche ricche o perlomeno benestanti che allora frequentavano l'istituto universitario presso il quale lavoravo.....



E dopo questa bella tirata propongo oggi questo dolce veramente interessante...

Qualche amica penserà che nonostante tutto io sia sempre infilata con la testa nel forno!!!

Ebbene no!!

Per il momento vivo di rendita con quello che ho preparato la settimana scorsa..ma parecchie ideuzze mi frullano per la testa......

E' un dolce veramente particolare adatto a tutti ma soprattutto a chi soffre di intolleranze varie......e segue una dieta vegana....

Basta scorrere la scarna lista ingredienti.....

Tempo di preparazione 10'
Costo: bassissimo
Difficoltà:*


INGREDIENTI

190 gr di farina 00
45 gr di cacao amaro
12 gr di bicarbonato
1 pizzico di sale
200 gr di zucchero
1 vustina di vanillina
1 cucchiaio di aceto bianco
6 cucchiai di olio extra finissimo Frantoio Valle Argentata o comunque un olio delicato e leggero
250 gr di acqua fredda


Setacciare due volte la farina, il cacao, il bicarbonato,il sale e la vanillina.....

Trasferire il tutto in una scodella e mescolare per bene con lo zucchero.....



Ecco qui sotto cosa si deve aggiungere alla farina ...

Aceto bianco e olio finissimo.....



Imburrare ed infarinare uno stampo quadrato , lato cm 20, se si ha a disposizione uno di silicone è l'ideale per la bisogna......

Fare due fossette: nella prima versare un cucchiaio di aceto bianco e nell'altra 6 cucchiai di olio .....




Unire ora dell'acqua molto fredda ........




E rimestare con cura fino ad ottenere un composto omogeneo.....



Infornare in forno preriscaldato e ventilato a 180° per circa 30'.....



Saggiare la cottura con uno stuzzicadenti che deve uscire asciutto a prova che il dolce è cotto a puntino.....

Spolverizzare con zucchero a velo...io ho usato questa bella mascherina che non ricordavo nemmeno più di avere e...buona colazione!!!

Ed ora vado a telefonare a mia figlia per sapere se Giulia ha avuto una notte brillante!!!

La ricetta è tratta da: Mille ricette per dolci e torte , N.C.

21 commenti:

Mascia ha detto...

Anche mio padre quando gli dicevi di tutti gli acquisti da fare per Gianmarco era sconvolto :-) Poi diciamocelo in tutta onestà, un sacco di cose si usano appena !!!! Io il maialino ce l'ho, nuovo praticamente, magari a tua figlia puo' interessare ? glielo regalo molto volentieri, davvero !! Scrivimi se ti interessa : masciagae@gmail.com.
Questa torta è incredibile, con l'aceto ?!? mi sa che la provero' !! Un bacione grande a te, e a Giulia !!

annaferna ha detto...

i ciripà!!!!...che fastidioso e odioso ricordo!!!
Hai ragione su tutto quello che occorre e sembra indispensabile oggi per un bimbo......e poi ci chiediamo xkè calano le nascite!!
baci e se fossi lì addenterei volentieri una fetta di torta al cioccolato...se è vero che colma la carenza di affetto!
baci a te Vale e Giulia

Selina ha detto...

Fantastica questa torta!!! Devo assolutamente provarla, ha un aspetto super invitante!!!

ELel ha detto...

Ricetta interessante!
Non parliamo di spese per bimbi che sto impazzendo! Se poi ci metti che sto pure traslocando...

ELel ha detto...

PS: io sono masochista e sto provando i pannolini lavabili proprio come 30 anni fa!!!!

eli ha detto...

Maialino? questa mi è proprio nuova.
I ciripà hanno tentato di farmeli usare quando mio figlio era piccolo e soffriva di dermatite, con il risultato di fargli aumentare la dermatite a causa del sederino bagnato di pipì!
Alcuni dicono che i pannolini usa e getta siano un flagello per l'ambiente, ma anche il disinfettante e il detersivo per lavare quelli in cotone...non è che sia un toccasana!

Interessantissima torta! niente burro niente uova e niente strani ingredienti vegani difficilissimi da reperire, brava!

I fiori di loto ha detto...

ciao, vorrei provare questa ricetta, mi puoi dire quanto zucchero devo usare ... non mi pare di vederlo scritto tra gli ingredienti. :)

vickyart ha detto...

vero! hai proprio ragione! oggi ci sn troppi vizi.. e ibambini..ma può essere che sn tutti così delicati? prima? mah! delizioso dolce al cacao! ciaoo

Arianna ha detto...

E già, per i bambini servono veramente troooppe cose!!!! Faccio spesso torte vegan e la tua sembra veramente morbidissima! complimenti!!

Mammazan ha detto...

@ I fiori di loto
Mannaggia lo zucchero!!!
sono 200 gr e grazie per avermelo fatto notare oro lo aggiungo nella lista ingredienti!
Bacioni

Tamtam ha detto...

l'unica cosa che non avevo è sto maialino, che non ho capito a cosa serva, ma il resto è stato tutto molto utile, non mi sono fatta mancare nulla....e poi io non ho avuto nulla dalle amiche, perché sono stata la prima e poi mio marito era impazzito e i body e le tutine dell'oshkosh che era appena arrivata in Italia ne comprava una al giorno, poi mi sono servite tutte le Franci e dopo ho regalato tutto, anche la bellissima Inglesina, quella alta con le ruotone, mi pavoneggiavo molto con quella carrozzina dico la verità...bellissima la torta..un abbraccio

Francesca ha detto...

Grazie per aver decorato la torta con un bel fiocco di neve, speriamo sia d'augurio per uscire dall'afa!!!!

Patty ha detto...

Adesso che mia figlia ha 9 anni, sto ancora buttando via la roba che ho accatastato e che ho usato a malapena...quanta saggezza nelle tue parole, il problema è che spesso sono gli altri a regalare cose che tu non avresti neanche mai pensato potessero esistere! Mah, mi piange solo il cuore di non riuscire a regalare oggetti che potrebbero ancora servire. Che spettacolo questa torta. Sembra impalpabile. Il cioccolato così scuro è da sturbo. Un grande abbraccio. Pat

Batù ha detto...

Beh.. nemmeno io sapevo cosa fosse il maialino :-) Inoltre, ecco che imparo le news in questo campo per quando toccherà a me diventare nonna. Credo che occorra ancora un po' di tempo..
Mi piacciono da morire le foto di tutti i passaggi che fai
Un bacio
P.s. come addenterei volentieri questa torta..

Francesca ha detto...

Ciao cara Grazia!!
Scusami per il confidenziale "cara", ma seguo il tuo blog già da due anni, durante i quali mi sono tanto appassionata alle tue ricette e alla tua vita che mi sembra quasi di conoscerti: oltre che una bravissima cuoca, sei sicuramente anche una persona fantastica! Non ti ho mai lasciato un commento, limitandomi a leggerti e scopiazzare i tuoi piatti (con grande successo) ma, ora che leggo di questo avvenimento, non posso trattenermi dal fare le congratulazioni a te e a tua figlia, e dal dare il benvenuto alla tua nipotina, che avrà sicuramente la migliore nonna che si possa avere! ;)

Ombretta ha detto...

non ho ancora bambini ma mi vengono i capelli dritti a leggere quello che hai scritto! la tua torta e' strepitosa e mi tiro giu' la ricetta! complimenti!

Manuela e Silvia ha detto...

Ciao, insomma un bambino comincia a essere pretenzioso e costoso ancora prima di venire al mondo eh?! E pensare che una volta ci si accontentava veramente di poco!
Che particolare questa torta al cacao: l'utilizzo dell'aceto ci fa davvero strano, e pure l'olio finissimo che hai utilizzato non passa inosservato!
un bacione

Mammazan ha detto...

Per Francesca
Cara Francesca come ringraziarti per questo commento??
Mi sono commossa e non sai quanto leggendo le tue parole e sebbene sia tardi di colpo la stanchezza mi è passata di colpo....
Nonna fantastica??
Spero di sì... la nipotina lo è di certo bellissima, dolcissima una vera gioia per noi tutti come lo sono tutti i bambini..
Spero che tu abbia il tempo di tornare qui e leggere la mia risposta al tuo commento..
Ancora grazie!!!

ricetteleggere ha detto...

anche questa mi intrippa parecchio...

Francesca ha detto...

Sono davvero contenta che le mie parole ti abbiano fatto piacere, e sappi che sono davvero sincere! Seguo tanti blog di cucina, ma il tuo è il mio preferito perchè c'è sempre una nota personale ed unica in tutto quello che scrivi! Io ho 22 anni e per me sei quasi diventata come la nonna che non ho mai avuto, quindi, proprio per questo sono certa che la piccola Giulia sarà fiera di te...aspetta solo che possa mettere le mani in pasta, chissà che manicaretti a quattro mani che farete! ;)
Un abbraccio!!

Capricciose&Pasticcione ha detto...

Buonissimo....mi ci posso tufffare???