lunedì 2 aprile 2012

Un contorno per Pasqua??? Le coste gratinate alla pugliese



Il dubbio è scomodo...







Ma solo gli imbecilli non ne hanno...


Voltaire (1694-1778)






Dubbi??

Noi ormai , a dispetto di quanto afferma Voltaire, non ne abbiamo più...a giugno ci sarà un bagno di sangue per le nostre finanze...

Mancano i parametri per il calcolo dell'IMU e le date di pagamento sono ancora incerte e chi  si è già rivolto al commercialista per la dichiarazione dei redditi e il calcolo della vecchia ICI dovrà ritornare per l'aggiornamento delle cifre da pagare e ancora non si sa quanto perché le aliquote non sono ancora state definite..

Ma si può?

E da oggi aumentano le tariffe di luce e gas....

Con tutto il rispetto per chi attualmente ci governa ci si sarebbe potuto aspettare maggiore chiarezza e maggiore professionalità..visto che sono tutti..professori e dovrebbero sapere quello che fanno....

Intanto, tanto per essere in tema....parlo di risparmio.... propongo questo contorno economico, infatti questo tipo di verdura, le coste appunto, costano di solito in media un terzo delle coste o biete ....

Mia figlia ha scoperto che le piacciono di più ma dopo la prima volta che si è cimentata nella noiosa e fastidiosa eliminazione dei filamenti ( io lo faccio sempre) si limita ad usare la sola parte verde e mi rifila la parte bianca ..ed io l'ho preparata come ora vado a mostrare....

Con questa ricetta partecipo al contest di Stefania


Vediamo se questo contorno piace anche alle mie amiche....

Tempo di preparazione: circa 20' 
Costo: basso
Difficoltà:*

INGREDIENTI per due persone

270 gr della parte bianca delle coste ( ricavato da un mazzo di medie dimensioni)
50 gr di olive verdi denocciolate
1 cucchiaio di capperi sott'aceto
2 filetti di acciughe sottolio o sotto sale
30 gr di pecorino (io ho usato quello del Caseificio Spadi.)
1 cucchiaio di pangrattato
3-4 cucchiai di olio extravergine
1 uovo
qualche cucchiaio di latte
sale e pepe nero della Tec-Al

Tanto per essere sicura  di essere stata chiara circa il tipo di verdura usata ( magari in altre parti d'Italia viene denominata in altro modo ) allego la foto....




Come dicevo prima vanno eliminati i filamenti....







Lavarle con cura  cuocerle in acqua moderatamente salata per circa 10', scolarle e porle ad asciugare su un canovaccio  o su carta da cucina...


Tagliarle  in segmenti aventi le stesse dimensioni...




Intanto prepariamo una specie di farcia.....


Come ho scritto nella lista ingredienti  servono olive, capperi sott'aceto o sotto sale ( io ho usato i primi) e qualche filetto di acciuga sott'olio....


Tritare il tutto con la mezzaluna....






Mescolare in una fondina pecorino, io ho usato quello ottimo e stagionato del Caseificio Spadi e pangrattato...





Unire il trito preparato precedentemente e mescolare con cura....






In un'altra fondina sbatte l'uovo con il latte salare, con moderazione in quanto il pecorino è molto saporito, e pepare con pepe nero....






Ungere con olio una pirofila da forno, cospargerla con pangrattato e disporvi le fette di passate nell'uovo ...







Cospargere questo strato con una poco della farcia...







E continuare fino all'esaurimento degli ingredienti....


Se ne fosse rimasto versare il resto dell'uovo e latte, cospargere lo stato finale con poco olio e pangrattato.....







Infornare in forno preriscaldato e ventilato a 170° per circa 25' o perlomeno fino a doratura....






Ed ecco il risultato!!!!





Auguro a tutte le amiche un buon inizio settimana e cerchiamo di non farci il sangue amaro....finché c'è la salute....


La ricetta è tratta con qualche modifica da " 500 piatti con le verdure"

20 commenti:

annaferna ha detto...

buongiorno cara
si anche qui siamo un po' nel pallone per questi parametri...questi sconosciuti!! :((
intanto gustiamoci le pietanze della cucina che sappiamo preparare, gustose, da ingredienti economici come queste coste (si chiamano anche qui così)
mio papà le gustava anche fritte come le cotolette!!!!
un bacio e buona settimana

raffy ha detto...

Bravissima Grazia, un piatto economico ma davvero di gusto!!!

Yrma ha detto...

Mi vien l'orticaria a pensare ai rincari e all'inadeguatezza dei nostri politici...pensando al tuo contorno invece mi viene una gran fame!!!!:-)Bacio e buona settimana!

eli ha detto...

Io non ne posso veramente più! anche perché gli stipendi sono fermi a quando la vita costava la metà!
Non si sa più che strategie inventarsi contro il carovita.
Personalmente, uso la macchina il meno possibile, non acquisto abiti nuovi, ma li rinnovo solo con qualche accessorio a poco prezzo, cucino piatti economici, perciò con le coste capiti a fagiolo!
Le cucino spesso e di solito le uso come ripieno (quasi tritate perché anche ai miei non piace la costolona) nelle torte salate.
La tua versione gratinata mi piace molto, con quella bella farcitura gustosa!
Buona settimana :))))

renata ha detto...

Una buona settimana anche a te cara e grazie per questa splendida ed economica e GUSTOSA ricetta!!!!!!!!
Ti abbraccio

Claudia ha detto...

Guarda stendiamo un velo pietoso!!!! il mio fidanzato non prende stipendio da 12 mesi.. e lo Stato nè i sindacati stanno facendo nulla... Io lo prendo 1 mese si e 3 no.. abbiamo mutuo ecc.. come pagheremo le tasse? e gli aumenti? ah non lo so... Molto ma molto appetitosa questa ricetta!!!!! baci e buon lunedì :-)

Giovanna ha detto...

fantastico e gustoso

Manuela e Silvia ha detto...

Buonissime in questa versione gratinata e anche leggera quasi!
bacioni

Emanuela - Pane, burro e alici ha detto...

Che bella gratinatura gustosa e saporita....mentre il costo della vita è a dir poco salato!!!!
Buona serata!

Solema ha detto...

Le cucino spesso, farò mia questa versione!! Per quanto riguarda il resto meglio stendere un velo pietoso!!

elly ha detto...

Hai voglia a fare sacrifici! Non sappiamo più dove tagliare. Lo facciamo da una parte e se lo riprendono da un'altra. E col rischio anche di perdere il posto di lavoro dopo trenta anni e passa! A volte non ci dormo... Mi consolo con questo piattino. Questa verdura da noi mi sembra che somigli alla bieta a coste larghe (come il velluto...), Ma la parte bianca è di meno di quella della foto. O è quella, o non la conosco!!! Però la ricetta è buonissima!

delizia divina ha detto...

sembra un' ottima ricetta!!!

emanuela ha detto...

Che bella idea...mi stupisci sempre di più...complimenti carissima...bacioni

Isabeau ha detto...

Questi così detti professori non hanno il vero sentore di come le persone stanno soffrendo. Di come risentono della crisi e delle loro manovre. Manovre che toccano tutti, tranne loro, le loro spese esagerate e inutili. E noi a far i conti con i centesimi, evitando qualsiasi tipo di spreco.
E la tua idea è fantastica, e inoltre gustosa, ma non avevo di certo dubbi!

tuassan ha detto...

E pensare che io le mangio lesse e basta...Prendo nota, grazie per l'alternativa.

Simo ha detto...

non parliamo di queste cose che mi sento così a terra oggi...
prendo una fettazza delle tue coste, per tirarmi un pò su!
Ti abbraccio e ti aspetto da me per il nuovo contest di primavera ;)

Ilaria ha detto...

Hai ragione cara, stiamo vivendo una situazione che ha del'incredibile. Non solo ci preannunciano nuove tasse, ma non ci dicono neppure i criteri di calcolo... almeno così sono sempre in grado di aumentare l'aliquota se servono più soldi. Facile così, no??? Ma gli stipendi se li sono poi ridotti loro?
Meglio risparmiare quindi... non si sa mai come andrà a finire...
Questo piatto è davvero molto appetitoso. Deve essere squisito.

Muscaria ha detto...

Grazie ma veramente grazie per questa idea che mi sarà utilissima!!!
Copio e salvo immediatamente :-)

(Non commento la situazione finanziaria italiana perché non ci sono parole, veramente!)

Roxy ha detto...

Eh si, purtroppo per le ns finanze non si prospetta un roseo futuro....come se già non fossimo nella m... fino al collo!!!
Consoliamoci con questo bel contorno, che sarà anche economica, me è decisamente delizioso!!!

Francesca ha detto...

Cerco di non pensare al totale caos che stiamo vivendo e che purtroppo prevedo nell'immediato futuro... cose anche tristi, chi già paga deve pagare di più e chi non ha mai pagato?? Bohh..!!!
Anche nella quotidianetà e quindi in cucina dobbiamo stare attenti al centesimo, per cui questo tuo piatto è proprio da tenere d'occhio!! E sarà anche molto gustoso!!
Franci