mercoledì 24 giugno 2015

Insalata di riso ricca e...povera!!


Quando le donne ci amano ci perdonano tutto, persino i nostri crimini...


Quando non ci amano non danno credito a nulla nemmeno alle nostre virtù..
Honoré De Balzac ( 1799-1950)


L'insalata di riso non è una novità dei nostri menù e spesso ci dimentichiamo che può rappresentare non solo un ottimo piatto unico ma che può rivelarsi un autentico svuotafrigo....
Diciamo che non ci vuole poco tempo a prepararla ma, come al solito, basta organizzarsi..
Il riso può essere cotto il giorno prima e poi lasciato  "risposare" in frigo fino al momento dell'uso...
Anche le uova possono essere rassodate e sbucciate in anticipo...
Senza dimenticare che dando un'occhiata al contenitore dei formaggi si può decidere di ridurli in dadolata , eliminando le parti con un poco di muffa e via dicendo...
Io ho preparato questa insalata di riso per i miei cari tenendo conto che anche i miei nipotini  l'avrebbero potuta assaggiare... 
Non vanno matti per il riso ..diciamo che la pasta è più facile da mangiare..sono piccoli e hanno qualche problema di gestione del cucchiaio o forchetta..
Ma i grandi proprio no..senza contare il fatto che aver un piatto pronto preparato dalla sottoscritta  fa sempre piacere!!!
Le dosi sono indicative e vanno variate a piacere aggiungendo o togliendo qualche ingrediente..
L'unico consiglio che posso dare è quella di non usare  troppo riso: con gli ingredienti aggiunti diventa poi una montagna di insalata!!  


Tempo di preparazione: circa 30' senza contare la cottura del riso: 13'/15
Costo: medio 
Difficoltà:*

INGREDIENTI 

150 GR DI RISO PER RISOTTI ( O RISO PARBOILED)
4-6 WUSTELN DI POLLO
2 SCATOLETTE DI TONNO NOSTROMO BASSO IN  SALE
100 GR DI PROSCIUTTO COTTO
80 GR DI PARMIGIANO REGGIANO IGP
1 CUCCHIATA DI CAPPERI SOTT'ACETO
1 CUCCHIAI DI SENAPE MAILLE AL MIELE
1 CUCCHIAIO DI SENAPE MAILLE ALL'ANTICA
1 LIMONE 
2 UOVA GROSSE
2 FALDE DI PEPERONE ( 1 ROSSA E 1 GIALLA)
1 MANCIATA DI OLIVE VERDI
1 MANCIATA DI OLIVE NERE
ORIGANO
SALE E PEPE Q.B.

Lessare il riso per il tempo indicato, scolarlo, passarlo sotto l'acqua fredda, scolarlo bene e porlo in una capace scodella
Lessare le uova per 8'/10' partendo dal bollore..
Farle raffreddare  e quindo tagliarle a pezzetti e unirle al riso...


Ho usato non solo il tonno basso in sale Nostromo ma anche il suo olio che è extravegine..
Non ho unito altro condimento...


Aggiungerlo al riso sfaldandolo un poco con la forchetta..
Strizzare e tagliuzzare i capperi e tagliare a pezzi le olive o se si preferisce lasciarle intere..
Io ho usato olive verdi con il nocciolo e le ho tagliate a filetti..
Ridurre a cubettini il parmigiano o altro formaggio a piacere.
Anche i peperoni vanno ridotti a pezzetti piccoli..


Mescolare i due tipi di senape ( le avevo in casa e le ho usate ma si possono sostituire con senape normale) con il succo di limone..
Aggiungere una spolverata di origano che non ci sta male...


Ci siamo quasi..aggiungere i prosciutto cotto all'insalata e mescolare per bene..


Per la decorazione del piatto ho posto dei petali di parmigiano come appare in foto e con dei mini i stampini ho inciso le falde dei peperoni ricavando i fiorellini a 3 petali..


Un bel lavoro..ma ne vale la pena!!!

4 commenti:

andreea manoliu ha detto...

Anche a casa mia con queste non si scherza, si fanno in abbondanza e si mangiano pure, anche se è di troppo per una volta, va bene anche il giorno dopo, meglio, entrano i sapori ed è più buona. Come svuota frigo, ma anche facendo apposta è sempre gradita in questo periodo caldo, ci si può sbizzarrire nel condire con tutto quello che si vuole è sempre buona !

mammazan ha detto...

@andreea manoliu
hai ragione: anche se si prepara questa insalata con abbondanza è buona anche il giorno dopo.
un abbraccio

Claudia Pane ha detto...

Mmm quanto è buona l'insalata di riso! Purtroppo a casa mia piace solo a me.. la tua è davvero molto invitante :D

eli ha detto...

Anche per me l'insalata di riso è un piatto salva tutto (cena, pranzo, frigo, dispensa) La preparo in mille varianti a seconda di quel che passa il convento!
Mi hai proprio fatto venire voglia di prepararla!