giovedì 3 novembre 2011

Salmone, pangasio e.... CUKI




Lo spreco della vita si trova nell'amore che non si è saputo dare, nel potere che non si è saputo utilizzare...

Nell'egoistica prudenza che ci ha impedito di rischiare e che, evitandoci un dispiacere, ci ha fatto mancare la felicità...

Oscar Wilde ( 1854-1900)







Ore 23 di ieri sera.....squilla il telefonino....

"Mamma, esordisce con voce allarmata mio figlio, hai sentito alla tele che il governo vuole effettuare prelievo forzoso dai conti correnti?"




In effetti avevo sentito un accenno in qualche telegiornale, ma mi sembrava una cosa quasi surreale, che non poteva accadere veramente.....

E poi ho pensato: "Il cane va sempre a mordere il pezzente".....

Poi, tanto per rovinarmi per bene la serata e il sonno sono andata a vedere su internet e guardate cosa ho trovato... e che allego con un copia incolla...





"Ricordate il prelievo forzoso su tutti i conti correnti bancari che, con un imposta del 6 per mille, caratterizzò nel 1992 l’azione del governo di Giuliano Amato? In un periodo di crisi nera per l’Italia che continua ad avere il fiato della Banca Centrale Europea sul collo e con l’annuncio di una non meglio precisata imposta di solidarietà ideata dal Ministro Tremonti, è coerente che più di una persona torni con la mente a quel colpo di mano notturno di quasi vent’anni fa.
Nella notte fra il 9 e il 10 luglio 1992, il governo guidato da Giuliano Amato penetrò nei forzieri delle banche italiane prelevando il 6 per mille da ogni deposito. Un decreto legge di emergenza l’autorizzava a farlo: in quel provvedimento, varato mentre i mercati si accanivano sulla lira, vi erano misure tra le più svariate.
Dall’aumento dell’età pensionabile alla patrimoniale sulle imprese, dalla minimum tax all’introduzione dei ticket sanitari, dalla tassa sul medico di famiglia all’imposta straordinaria sugli immobili pari al 3 per mille della rendita catastale rivalutata. Prelievo sui conti correnti e Isi fruttarono insieme 11.500 miliardi di lire. L’imposta straordinaria sugli immobili poi divenne una gabella ordinaria: l’imposta comunale sugli immobili, l’Ici, abolita dal più recente governo Berlusconi."
Credo che all'epoca noi, parlo della mia famiglia, non ce ne accorgemmo neanche in quanto avevamo fatto fuori tutti i nostri risparmi per ristrutturare quella specie di pollaio che avevamo acquistato e che in seguito divenne la nostra abitazione...
Ma ora il pericolo è reale e palpabile anche se stamattina a Rai News 24 hanno annunciato che per ora non se ne parla ... e se non ora QUANDO??????
Parliamo di cucina che è meglio!!!



Come al solito ho fatto pasticci nell'allegare immagini ma ora vediamo cosa ho combinato......

Il banner che appare qui sopra mi è stato inviato dalla Cuki che ha chiesto la mia collaborazione, inviandomi poco tempo fa due confezioni di prova: la prima conteneva la carta forno e la seconda
i sacchetti forno per cottura dietetica e la foto che appare qui sotto e che non sono riuscita ad eliminare è stata fatta da me...abbiate pazienza.... a volte sono irrecuperabile tanto sono scarsa con il pc......




Ho cucinato i due tipi di pesci citato nel titolo del post in tempi diversi......

Le dosi e modalità per il pangasio sono sono intese per una sola persona.

Quelle per il salmone sono intese per sei persone...

Tempo di preparazione:

Per il pangasio: circa 14' al microonde più 10' di risposo

Per il salmone:circa 10' più un'ora di cottura in forno ventilato
Costo per ambedue : medio
Difficoltà:*

INGREDIENTI

Per il pangasio: dosi per una persona

1 filetto di pangasio
1 patata media a fettine
qualche fetta di pomodoro secco sott'olio
una manciata di olive denocciolate verdi e nere
Origano e pepe q.b

Per il Salmone: dose abbondante per sei persone

1 salmone del peso di circa 2 kg
1 limone
1 arancia
3 spicchi d'aglio
3 rametti di rosmarino
sale e pepe macinato al momento q.b.


Scongelare per tempo il pangasio o dare una bottarella con il microonde, asciugarlo con cura, salare e pepare poco.....

Versare nel sacchetto per cottura dietetica un cucchiaio di farina per rivestire le pareti ( come dalla Cuki consigliato) ed eliminare l'eccesso....

Rimboccare verso l'esterno i bordi del sacchetto e disporre sulla base delle fettine sottili di patata , il filetto di pesce, altre fettine di patata, qualche pomodoro secco sott'olio , olive verdi e nere tagliate a metà e una spolverata di origano.


Chiudere il sacchetto con il laccetto allegato e porre in forno a microonde, temperatura 650° per 7' , con cautela girare il sacchetto e cuocere altri 7'...

Far riposare una decina di minuti quindi aprire il sacchetto cosa che avverrà con estrema facilità e, aiutandoci un una paletta, disporre il pesce così guarnito sul piatto individuale.....

Cotto alla perfezione, senza grassi aggiunti, pochi minuti di preparazione, e adatto quindi a chi è di corsa...

Cosa si vuole di più???





Passiamo ora alla seconda ricetta.

Il salmone in questione era un bestione che pesava circa due chili e quindi adatto e più che sufficiente per almeno 6 persone..con dosi abbondanti......


Per non sporcare la teglia in dotazione del forno ho disposto sulla stessa una grande teglia usa e getta di alluminio...


Bagnare strizzare la carta da forno per una migliore aderenza, io non l'ho fatto ma sarebbe stato meglio, disporre sulla base fette di limone e arancio e una parte del trito di aglio e rosmarino preparato in precedenza....




Spargere il resto del trito rosmarino e aglio oltre a sale e pepe non solo nel ventre del salmone ma anche in superficie e, come appare qui sotto altre fette di limone e arancio.....




Avvolgere per bene il salmone con la carta da forno, se necessario, come nel mio caso ( il pesce era veramente grande, con altra carta da forno e porre a cuocere in forno preriscaldato, ventilato a 180°/190° per circa un'ora ....




Rigirandolo a metà cottura.....




Le foto sono così così ma sono state fatte mentre si stava per andare in tavola.....e il salmone l'ho un pò assassinato mentre lo ponevo nel piatto....

Ma a quante di voi, care amica, non capita la stessa cosa??

15 commenti:

annaferna ha detto...

ciao Grazia
...il prelievo forzato notturno me lo ricordo con furia e rabbia e oggi se si dovesse ripetere credo avrebbe meno "fortuna" perchè tanto se ne è parlato che in molti se oggi le cose non dovessero andar male (come credo) al G 20 provvederanno a prosciugare i cc!!
e chissà che si decidano a far pagare a chi ha di più!!!!!

torniamo a noi che è meglio!
i sacchetti mi intrigano e li cercherò
il pangasio non lo mangio e non so neanche se qui si vende.
il salmone mi piace molto ma come ben puoi immaginare lo uso di rado causa abbondanza altro pesce! ^_^, ma terrò presente l'abbinamento arancia e limone! *_^
credo di aver finito
ti bacio .... e alla prossima!

Giusy ha detto...

Li ho visti questi sacchetti al super, mi intrigano ed ora ancor di più visto il risultato!!
Buona giornata!

delizia divina ha detto...

ottima ricetta per mangiare pesce...

Housewives ha detto...

non ho mai assaggiato il pangasio , ma non credo hce lo cucinerei nella carta cuki , non so perchè mi fa una certa impressione questa cosa , però il salmone sarà stato ottimo !!

Un'arbanella di basilico ha detto...

Ciao Grazia, non sai quanto sono in ansia con queste decisioni del governo, noi abbiamo subito per anni le loro cavolate, nel mio piccolo ho comunque cercato di risparmiare, di farmi un gruzzolo, e qui rischiamo di vedere andare in fumo tutti i nostri sforzi. Vorrei tanto cambiare casa, ma non so proprio se ce la farò. Tu comunque hai il potere di strapparmi un sorriso sempre, è un riso amaro, ma comunque è un sorriso. Ti voglio davvero bene. Ovviamente le tue ricette sono moooooolto interessanti. A presto amica mia.

vickyart ha detto...

qui prima o poi ci scappa il morto! la gente non ne può più davvero, noi non ne possiamo più! da noi si dice " u cuott n'copp u vullut" il cotto sopra il bollito..insomma a rimetterci sempre noi poveri fessi mi sa ke dovremo fare come una volta..mettere i soldi sotto alla mattonella! va beh! il pangasio mi piace molto, lo prendo spesso, il salmone è super, devo cercare questi sacchetti, sono curiosa! ciao cara, grazie per le notizie ..anche sul censimento..

giovanni uno storico in cucina ha detto...

ciao Mammazan..
speriamo che questi cialtroni se ne vadano presto..
ma per non avvelenarmi ulteriormente il sangue mi consolo con le tue due ricette che sono un piacere per l'occhio e (potenzialmente) per la pancia..:-))

La cucina di Molly ha detto...

Questi pesci così preparati sono ottimi e penso che acquistano di sapore cotti in questi sacchetti! Ciao

Babette: ha detto...

si parliamo del tuo meraviglioso pangasio che mi commuove ... il resto è tra il surreale e l'allucinante.

LA PASTICCIONA ha detto...

una buona idea,molto gustoso,baci

Silvia ha detto...

Sorvolo sulla prima parte del post, in primo luogo perchè avevo solo un anno nel '92 e non ricordo granchè, secondo, se mi mettessi a parlare direi cose molto spiacevoli sulla situazione odierna. Lasciamo fare, và!

Io adoro il pesce, ma non ho mai usato i sacchetti, sinceramente non mi ispirano molto.. mh..

Ilaria ha detto...

Bellissima la frase di Oscar Wilde... non potrebbe essere più appropriata.
Mi sa che di questo passo qualche mattina ci svegliamo e non ci restano che gli occhi per piangere.
Rifacciamoceli almeno con questi piattini squisiti!!

Nick e Dana ha detto...

Che paura, Mammazan, non ne posso più di questa gentaccia ma che aspettiamo a mandarli via e non farli tornare mai più?
Comumque il tuo pesce è squisito, grazie e a presto I cuochi di Lucullo

Mariangela - La cucina di Nonna Luisa ha detto...

Ciao Grazia,
consoliamoci con questi bei piatti che è meglio, ogni altro commento purtroppo è inutile....e poi rischierei di venire censurata/arrestata per sovversione!!
Buona giornata :-)

Roxy ha detto...

Mi piacciono tutte e due le ricette di questi bei pesciolini!! Buon we