sabato 28 agosto 2010

Il portadolci di Valentina e....Ricchissima al cioccolato


Anche per il pensiero c'è un tempo per arare.......



E un tempo per mietere....

Ludwig Wittgenstein filosofo (1889-1951)


I miei figli fanno spesso un pellegrinaggio.......



Sempre con immutata devozione ed entusiasmo ......elargendo generose offerte.....



Parlo di Ikea ...mia figlia ora frequenta la nuova sede poco fuori Torino mentre invece mio figlio quella di Milano che sembra sia la più grande in Europa.....



La spiegazione di tanta devozione è semplice...hanno acquistato le loro prime case e devono arredarle..e devo dire che le soluzioni offerte da questi enormi magazzini sono veramente valide.....

Si può spendere poco ma anche parecchio e gli oggetti acquistati sono sempre di notevole qualità.....



Mia figlia, l'ultima volta che vi si è recata doveva sfruttare un buono sconto da 20 € e ne è uscita con un spesa di circa 100 €, sconto incluso, e tra le varie cose acquistate c'era anche un portadolci a campana che aveva visto a casa di suo fratello a Milano......

Le ho chiesto: " Come possiamo inaugurarlo? ( tanto sapevamo che ci avrei pensato io ).....

"Con un dolce al cioccolato!!!"

Ho sfogliato furiosamente...si fa per dire ..i miei libri e libretti e da " Delizie al forno" ho tratto ispirazione per questa torta, modesta nell'aspetto, ma che comunque ha riscosso grande entusiasmo nella desinataria....


Tempo di preparazione: circa 40'...forse anche meno ..più l'ammollo dell'uvetta circa 30'
Costo: medio
Difficoltà:*

INGREDIENTI

80 g di uva passa
40 gr di rum per l'ammolllo
60 gr di mandorle con la pellicina
60 gr di mandorle pelate
150 gr di burro
100 gr di cioccolato fondente
4 uova
120 gr di zucchero
70 gr di farina
5 gr di lievito per dolci
1 bustina di vanillina
2 cucchiai di acqua di fiori d'arancio

Mettere a bagno l'uvetta nel rum per il tempo indicato...se possibile anche per un tempo maggiore.....

Strizzarla, tamponarla con carta da cucina ed infarinarla...



Sbattere con una frustina le uova, lo zucchero e l'acqua di fiori d'arancio ......



In un pentolino a fondo spesso e su fuoco bassissimo fondere il coccolato con il burro....

Far raffreddare.....



Tostare le mandorle pelate in forno per qualche minuto e frullarle con un cucchiaio di zucchero.....



Le mandorle che appaiono qui sotto non vanno invece tostate ma vanno frullate sempre con un poco di zucchero che ha la funzione di amalgamarsi meglio alle mandorle.....



Setacciare due volte la farina con il lievito e la vanillina, unire i due tipi di mandorle e l'uvetta precedentemente infarinata......

Mescolare per bene....



Unire al mix di uova, zucchero e acqua di fiori d'arancio il cioccolato fuso.....



E amalgamarlo agli ingredienti secchi.....

Ottenuto un composto omogeneo versarlo in una tortiera di silicone o di allumini,ben imburrato ed infarinato, dal diametro di 23/24 cm.....



Ed infornare in forno preriscaldato e ventilato a 170 per circa 35' o fino a doratuta della superficie.....



Eseguire sempre la prova dello stuzzicadenti: se il dolce è cotto perfettamente deve uscire asciutto.....



E non lasciarsi ingannare dal colore scuro del dolce.....a volte potrebbe capitare di farlo "brunire" troppo"!!!!



Come dicevo all'inizio il look è modesto ma il suo gusto compensa l'aspetto dimesso.....



A tutte un felice week end...stamattina si respira un'aria settembrina.... chissà cosa ci riserva settembre!!!!

10 commenti:

BARBARA ha detto...

Forse l'aspetto sarà anche modesto come dici tu, ma se poi leggiamo gli ingredienti...beh, quelli sono tutto fuorchè modesti! Una torta che è una bomba...in tutti i sensi! Mio marito impazzirebbe!

mamanluisa ha detto...

che delizia! visitare il tuo blog è sempre molto piacevole, però viene voglia di ... addentare il ...monitor..ahahah, bravissima!
ciao e buon fine settimana

Massaia Canterina ha detto...

A me ispira tanto tanto anche con questo "aspetto modesto"...anzi...quasi quasi...aspetto una fetta!!!! Ahahah
A presto!
Elisa

eli ha detto...

Anche io vado spesso da Ikea, ma devo guardare meglio perchè il portatorte mi è sfuggito! e tra l'altro il mio vecchio fa proprio pena.

Questa torta la segno per mio marito. Ogni volta che preparo un dolce mi dice "però con un po' di uvette sarebbe stato migliore" ihihihihih!

( parentesiculinaria ) ha detto...

Ihihih! Mi fa ridere il pellegrinaggio all'Ikea...
Comunque condivido: veramente difficile uscire senza acquisti!
E quale scusa migliore per assaporare questa bella torta, perfetta da trovare sotto una campana...

aleste ha detto...

La torta è veramente squisita,quando si parla di cioccolato non si sbaglia mai.Per quanto riguarda l'Ikea faccio spesso anch'io dei pellegrinaggi e gli acquisti si rivelano sempre ottimi.
Un abbraccio,buona domenica!

annaferna ha detto...

qui ancora aria sahariana che tiene lontane le voglie di forno e fornelli ma questa golosità piena d'affetto la voglio proprio provare omettendo l'uvetta che a mio genero non piace ...posso?
bacissimi Grazia e buona domenica

viola ha detto...

Sai, anch'io ho dei dolci che ancora non ho postato perchè in effetti da vedere sono normalissimi...pur essendo buonissimi e penso che nessuno ci farebbe caso.....
Così, memore di questa mia reticenza, quando vado nei blog altrui non guardo moltissimo l'aspetto. So che dietro alla "normalità" si possono nascondere sapori meravigliosi.
Per esempio io i dolci da forno al cioccolato li adoro......
E questo lo provo di sicuro!
Un baione e buona giornata

giulia pignatelli ha detto...

col pellegrinaggio all'ikea mi hai fatto morir dal ridere e la torta mi sembra ottima!!!

manuela e silvia ha detto...

Perfetto questo dolcino epr inaugurare il nuovo acquisto! anche noi torniamo sempre con dei..."souvenir" dall'ikea ;)
Golosissima e ricca davvero con la frutta secca! adesso ci starebbe davvero bene!
un bacione