martedì 5 agosto 2014

Pane di grano saraceno e semi di zucca


L'uomo conosce il mondo no certo per quello che gli ha rubato...


Ma per quello che gli ha aggiunto...
Paul Claudel ( 1868-1955)



Ieri quando ho letto il post di Simona mi sono veramente commossa...
Mi sono venute in mente le lunghe telefonate durante le quali ci sfogavamo un poco raccontandoci le nostre vicissitudini quotidiane e tirandoci su di morale a vicenda...
Una bella amicizia a ci tengo molto e che il mio blog mi ha regalato...
Devo andare a rileggerlo quando mi sento giù di morale e metterei la testa sotto le piastrelle della cucina!!!
Per fortuna non capita spesso ma quei momenti ci sono specialmente in questo periodo durante il quale affiorano tristi ricordi che non riesco a dimenticare...
La perdita della mia mamma è ancora troppo recente perché possa scordare  le affannose corse nei vari ospedali ( uno più lontano da casa dell'altro), il vederla così sofferente anche se ero certa fino all'ultimo che sarei riuscita a riportarla a casa anche se i medici mi aveva detto che ero un'illusa..
Ci ho creduto fino all'ultimo.... 
A te cara Simona ancora GRAZIE!!!!


Tempo di preparazione con il mixer: circa 10' più il tempo per preparare il lievitivo e la doppia lievitazione: circa 2 ore
Costo: basso
Difficoltà:*

INGREDIENTI
350 gr di Buckweat ( farina di grano saraceno ) My Protein
200 gr di farina 00
1 cucchiaino di sale
1 cubetto da 25 gr di lievito di birra fresco
50 gr di fiocchi di patate ( quelli che si usano per la purè istantanea)
Acqua calda q.b. 
3 cucchiai di olio extravergine 
40 gr di semi di zucca decorticati, tostati e salati

Ecco qui sotto la bella e robusta confezione della farina che ho usato per i miei panini...


E i semi di zucca decorticati e salati che di solito si usano come snack: li avevo acquistati al super perché li avevo visti nel carrello di una signora  cui ho questo che uso ne faceva..
"Li mangiamo come snack come fossero dei pistacchi e.... costano meno!!"



Per prima cosa prepariamo il lievitino: porre il cubetto di lievito sbriciolato, se fresco, in poca acqua appena tiepida e farlo sciogliere...
Aggiungere quindi un cucchiaio di farina e mescolare con cura fin quando raddoppia ..
A questo punto aggiungere l'olio ( 3 cucchiai e mescolare ancora).
Il lievitino è pronto.
Io di solito congelo il lievito di birra per non dimenticarmelo in frigo e quando lo uso lo sciolgo in acqua fredda e poi procedo come per quello fresco....


Porre nel boccale del mixer le farine,i fiocchi di patate, i semi di zucca ( serbarne alcuni per la decorazione dei panini) e il sale e azionare il robot per qualche secondo...
Quindi aggiungere a filo, mentre il robot è in funzione il lievitino e, sempre a filo, l'acqua ben calda fino quando si forma un composto come appare nella foto qui sotto...



Estrarre la massa dal boccale del robot, lavorarla brevemente, inciderla a croce, ungerla e porla in una scodella che va sigillata con un foglio di pellicola trasparente e posta a lievitare in forno spento ma con la sola luce di cortesia accesa fino al raddoppiamento del volume..



A questo punto sgonfiare la pasta a pugno chiuso, rilavorala ancora e staccare delle porzioni del peso di circa 60 gr....
Disporle sulla teglia grande in dotazione al forno su un foglio di carta da forno, ungerle con una miscela di acqua e olio e disporre sulla sommità di ogni panino alcuni semi di zucca...



Distanziare i panini perché con la seconda lievitazione cresceranno parecchio....



Ecco qui il particolare del panino dopo la seconda lievitazione pronto per essere infornato...



Infornare in forno preriscaldato, ventilato a 180° per circa 8'/10'...
Volendo una parte dei panini, ben freddi, si possono anche congelare.
A tutte voi care amiche auguro un'ottima giornata!!!

5 commenti:

Simo ha detto...

Grazie a te mia cara per l'amicizia che mi hai regalato!
Capisco cosa stai passando, ieri era l'anniversario della morte della mia cara nonna...sei anni e sembra ieri. La sento sempre vicina a me, come non mai...
Ti mando un grande abbraccio e ti rubo una bella pagnottella deliziosa...posso?! ;)
bacioni!

Roberta ha detto...

Ho sentito parlare di compleanno emotivo.credo che noi donne ne sappiamo qualcosa perche' ci ricordiamo tristemente di certi periodi spiacevoli e facciamo fatica a dimenticare. dicno che il tempo guarisa tutto.forse aiuta anche lavorare s di se'.io lo sto facendo da anni e spero un giorno di dimenticare ciò che ancora mi fa soffrire.ma mi e' stato detto che piu' che dimenticare si puo' sostitire il ricordo con qualcosa di piacevole.io spero che in ventino un modo per cancellare tutto....pensa come sarebbe bello,si potrebbero superare con poca fatica tanti traumi.ma e' tutta una questione mentale.almeno credo.tu prova a sostituire ogni giorno i pensieri brutti dell'anno scorso con un ricordo piacevole. cosi crei nella tua mente un ancoraggio positivo.che ne so magari ricorda un bel sorriso dei tipi nipoti o una frase carina che ti hanno detto l'anno s scorso.cosi associ agosto ad un altro pensiero.secondo me aiuta.ciao ciao

Mammazan ha detto...

@Simo
Sei veramente un tesoro...
Anche io sento sempre vicina sia mia madre che mia nonna, morta ormai da 40 anni....Persone splendide, semplici e sagge che mi hanno arricchito in modo incedibile.
Un abbraccio grande

Mammazan ha detto...

@ Roberta
Io non ho sentito parlare di compleanno emotivo ma dal tuo bel commento, così sentito e affettuoso, ho imparato molto..
Lo so che si vorrebbe cancellare momenti tristi cui siamo stati testimoni.. ma la vita va avanti e come dici tu, cara amica, mi devo concentrare sulle cose belle... I miei figli, sempre vicini, e i miei nipotini sono veramente un raggio di sole che illumina le mie giornate...
Grazie di cuore!!!

Un'arbanella di basilico ha detto...

Ciao Grazia, è sempre un piacere leggere i tuoi commenti e tornare da te. Mi dispiace che la tua mamma ti abbia lasciato, ma come dico sempre le persone che abbiamo molto amato non ci lasciano mai veramente. Stanno ancora con noi, non le vediamo, ma sono pronte ad aiutarci. Sono sicura che anche la tua mamma è ancora lì che ti parla all'orecchio.... ti abbraccio forte forte