giovedì 21 agosto 2014

Cestini con ricotta e frutta


Se questa scienza, che grandi vantaggi porterà all'uomo...


Non servirà all'uomo per comprendere se stesso, finirà per rigirarsi contro l'uomo
Giordano Bruno ( 1548-1600)


Ogni tanto , tra le tante riviste e libri che trattano di cucina, viene edita una nuova enciclopedia....
Io di solito acquisto il primo volume che è posto in vendita ad un prezzo veramente irrisorio...e basta!!


Penso che mille vite non mi basterebbero per preparare tutte le ricette che vengono proposte e che mi attirano in particolar modo....
E, in secondo luogo, non ho più posto nelle mi bibliotechina per aggiungere altre pubblicazioni...
Ma quello che mi rende perplessa sono,  a volte, i tempi di cottura che vengono consigliati...
Per i biscotti, secondo gli estensori di alcune  ricette, sono necessari addirittura 15' mentre per esperienza, visto che di biscotti me ho fatti a montagne, bastano dai 5' ai 7'...
Sarà questione di forno o di dimensioni???
A meno che i biscotti non siano grandi come delle piazze d'armi!!!
Questo preludio è motivato dal fatto che i dolcetti che propongo oggi, la cui ricetta è tratta dal 1° volume della Scuola di Pasticceria (la Cucina del Corriere della Sera) mi hanno creato delle difficoltà che poi ho superato con un poco di buon senso...
Gli estensori della ricetta elencavano delle dosi sufficienti per 8 cestini tagliati con un tagliabiscotti di 8 cm di diametro...io ne ho ricavato molti più  del doppio...
In secondo luogo suggerivano di porre un cucchiaio di farcia in ogni tondello che doveva poi essere pizzicato in 8 punti..
Purtroppo il ripieno si è presentato così "fluido" che se avessi fatto come consigliato avrei avuto la farcia sparsa  ben oltre il tondello di pasta....
Per cui, come si potrà vedere in seguito, ho preparato prima i cestini e quindi li ho riempiti ...
E per far fuori tutto il ripieno, visto che avevo finito la pasta di base ho dovuto ricorrere ad un rotolo di pasta sfoglia da cui ho ricavato due tortine di diametro di circa 10/12 cm....
Comunque, e qui concludo, il risultato mi sembra buono anche se avrei aggiunto un poco più di zucchero alla pasta per i cestini....
Care amiche se la ricetta vi è piaciuta e se preparate questi dolcetti...fatemi sapere!!!! 


Tempo di preparazione: circa 40' più il riposo in frigo della pasta di base (30')
Costo:basso
Difficoltà:*

INGREDIENTI

Per i "Cestini"
300 gr di farina 00
1 cucchiaino di cannella in polvere
 60 gr di burro
1 uovo
50/60 ml di acqua fredda

Per il "Ripieno"
1 pera 200 gr peso netto
2 pesche 200 gr peso netto
300 gr di ricotta
3 tuorli ( ne venivano consigliati 4)
70 gr di zucchero

Mescolare la farina con la cannella...


Trasferire il tutto nel boccale del mixer e aggiungere il burro freddo a pezzetti...
Azionare il robot per pochi secondi...


Unire l'uovo e a filo l'acqua fredda...


Continuare ad azionare il robot fin quando si forma una massa come appare qui sotto...
Lavorarla brevemente, avvolgerla con pellicola trasparente e porla in frigo per circa 30'...


Nel frattempo prepariamo il ripieno dei cestini....


Sbucciare pera e pesche, eliminare il torsolo e tagliare a fette...


Tritare a coltello la frutta come appare nella foto qui sotto e mettere da parte per il momento...questa in particolare è la pera...


In una scodella mescolare con la frusta la ricotta con lo zucchero fino ad ottenere una crema omogenea...


Aggiungere i tuorli e mescolare ancora per bene....


Per ultimo amalgamare il tutto con la frutta tagliata a dadini precedentemente....


Tirare ora la pasta di base dal frigo e attendere qualche minuto prima di stenderla con il matterello...
Non occorre infarinare il piano di lavoro....
Incidere con un tagliapasta di diametro 9 cm tanti tondelli e pizzicarli in 8 punti....
Man mano che sono pronti porli su una teglia grande ricoperta con un foglio di carta da forno....


Versare in ogni cestino un cucchiaio di farcia ...


Ed infornare una teglia per volta ( ce ne vorranno almeno 3) In forno preriscaldato, ventilato con il termostato impostato sui 170° per 15'/20'...

Disporre i cestini su vassoietti pronti per essere gustati o regalati...
Faranno un figurone nel secondo caso!!!!!
Et voilà ...anche questa è andata!!!!

11 commenti:

matematicaecucina ha detto...

avere esperienza in cucina serve a modificare le ricette che si leggono sui tanti libri di cucina sicuramente scritte da chi non le ha mai preparate! io mi fido più di alcune food blogger, naturalmente sei fra queste!!! bacioni, Laura

Ratatouille ha detto...

Ciao Grazia, che belle tartelettes!
Mi serviva giusto un dessert da portare domenica da amici, userò la crema di riso al posto della ricotta, però, dal momento che non mangio formaggi!
Grande!!!!
Un abbraccio e buona giornata

Virginia S. Il GattoPasticcione ha detto...

Anch'io ho una montagna di libri e una lista di ricette da provare infinita tanto che avrei bisogno di un'altra vita per poterle fare tutte! Anche a me succede di non ritrovarmi con le dosi o le tempistiche che riportano e faccio sempre a modo mio alla fine! Sono interessanti i tuoi cestini, chissà se ce la farò a provarli? Un abbraccio

Zonzo Lando ha detto...

Che forma bellissima che hanno e chissà che delizie! Complimenti ti sono venuti una meraviglia :-) Bacioni!

Gaudio (Franci) ha detto...

La scuola migliore... siamo noi!! ;o)
Ti abbraccio!

Eleonora Gambon ha detto...

Anche io spesso mi trovo in difficoltà con certe ricette tratte da libri o riviste, ma ho imparato a fare di testa mia perchè come dice Gaudio (Franci) la scuola migliore siamo noi con le nostre esperienze!!

carmencook ha detto...

Ma sono carinissimi i tuoi cestini!!!
Sei troppo brava Grazia!!!
Un mega abbraccio e buon fine settimana
Carmen

Manuela e Silvia ha detto...

ciao, che particolari e fruttate queste tortine! Con tutta questa frutta dentro fanno davvero al caso nostro e così preparate sono originalissime.
baci baci

eli ha detto...

nonostante le difficoltà, sono proprio carini!!
Mia figlia pasticciera dice che le ricette nei libri, soprattutto se di grandi chef (restii a rivelare i loro segreti), sono volutamente sbagliate! Sta al lettore capire dove sta l'inghippo.

Ely ha detto...

La difficoltà ti fanno un baffo stella.. e che splendore, hai creato dei dolcissimi soli!! <3 Sai che invece io non ho molti libri di cucina? Forse perchè sono rimasta delusa da quei pochi che ho ricevuto o acquistato.. (fortunatissima io o impeditissima io, visto che i procedimenti nemmeno richiamavano gli ingredienti della ricetta)... Un abbraccissimo e un bacio, tvb

chiaramarina ha detto...

Mamma mia le tue ricette mi fanno sempre venire una fame incredibile..
saluti da Arianna/chiaramarina