sabato 31 gennaio 2009

Biscotti alla lavanda e Le casette di Luserna in miniatura


Perchè ancora una ricetta dedicata ai biscotti alla lavanda?

E' molto semplice: ho comprato degli stampini nuovi, costosi, circa 1 € l'uno, avevo la lavanda destinata ad un'altra ricetta che non ho preparato, e allora eccoli qui profumati, carini ed invitanti!!!!!

Arricchisco questo scarno post con le immagini delle casette in miniatura che vengono realizzate con pazienza certosina da alcuni artigiani di Luserna , i quali con grande passione e precisione, le realizzano e che hanno motivo di apparire come elemento d'arredo in paesi di collina o mezza montagna come quelli in cui vivo......


Nelle case di vacanza marine è possibile vedere una profusione di soprammobili realizzati con conchiglie che sembrano talmente belli da essere oggetti di idee regalo e che una volta portati e posizionati nelle case di città......stonano e diveventano dei "ciapapuer" (in piemontese: raccogli polvere).

Portagioie stracolme di piccoli gusci di telline pazientemente incollati, posacenere, quadretti con vedute marine o una serie di nodi da marinaio quasi impossibili da realizzare......

Senza parlare di cuscini, presine, grembiuli, strofinacci sempre monotematici.....



Qui da noi invece in alcune case è possibile trovare degli oggetti in legno realizzati da artigiani del luogo o portati da regioni vicine.....

Quante coppe dell'amicizia (quelle con tanti becchi da cui ogni invitato può bere, acquistati in Val d'Aosta per esempio) mi è capitato di vedere!!!!


Questa casetta in miniatura è stato il regalo di Natale fatto dai figli alla mia amica Margherita ,che mi vide tempo fa arrivare a casa sua con tanto di fondale, sempre lo stesso che adopero quando fotografo i miei piatti, le luci, le prolunghe e tutto il resto....

Un regalo importante, visto il costo di una tale realizzazione.......

Ho fatto tanti particolari affinchè fosse ben visibile l'accuratezza con cui l'artigiano aveva realizzato questa miniatura....

Quando venimmo qui per acquistare la casa che doveva essere solamente la casa delle vacanze, il rustico, che poi divenne la nostra residenza definitiva, aveva questo aspetto....

Questa che appare nelle foto pur essendo una costruzione che più rustica non potrebbe essere, è ancora abbastanza graziosa.....

Quella che invece noi visionammo circa 30 anni fa sembrava veramente un pollaio, con le mucche del vicino che mangiavano il fieno in quelle che erano le cantine al piano terra e che sarebbero diventate in seguito il laboratorio di restauro per mio marito (con il temosifone) e lo pseudo laboratorio fotografico per me (senza).

Ricordo ancora che la temperatura d'inverno, era costantemente ad 8° e l'uso di una stufetta elettrica non riusciva a migliorare di molto la situazione....

Io dovevo usare i bagni di sviluppo a 20° (altrimenti le immagini sulla carta fotografica che avevo stampato non si sarebbero mai sognate di apparire) e quindi immergevo nelle bacinelle contenenti i prodotti chimici delle altre bacinelle contenenti acqua bollente per portarle a temperatura..... un bagno maria al contrario insomma....

Finita la stampa degli ingrandimenti che dovevano documentare il restauro dei reperti archeologici fatto da mio marito, salivo in casa (il rustico era aricolato su due piani) finivo il riasciacquo delle foto nella vasca da bagno ( le stampe erano sempre parecchie) e poi le appiccicavo sulle piastrelle del bagno per farle asciugare....


Per fortuna era stata inventata la carta con supporto plastico ed autosmaltante per cui non c'era bisogno di usare la smaltatrice, in più quella carta essendo indeformabile era fantastica per quando dovevo stampare dei reperti in scala ridotta o 1:1.... così le dimensioni dell'oggetto non cambiavano con l'essiccamento della carta!!

Temo di essermi lasciata andare troppo in là con i ricordi... ma le ore passate in camera oscura a stampare migliaia di foto o a fotografare oggetti in piena estate con due lampade da 500 watts adosso è veramente ancora molto vivo....

Eppure, fotografare mi piace sempre molto...e si vede, anche se l'oggetto delle mie cure è cambiato.

A differenza delle foto di vivande in cui spesso mi lascio andare a interpretazioni fantasiose, le foto che dovevano documentare i vari reperti archeologici dovevano essere molto rigorose: fronte, retro, profilo destro e sinistro quando l'oggetto era particolarmente bello.....


E invece ecco qui i miei stupidi biscottini che voglio regalare idealmente a tutte le mie amiche ed in particolare a Rosaria che mi ha scritto di recente, a Nora ( non sono delle blogger) e a degli amici di una vita che mi seguono con l'affetto e curiosità tanto per scoprire cosa continua a conbinare questa vecchia pazza che una ne pensa e cento ne fa.....

Caro Antonio e Graziella: abbiamo in comune il cognome e tanto affetto, grazie per seguirmi sempre e per esservi ...lamentati con mia madre che dopo Natale avevo scritto poco.

Ma non è VERO!!!!!!

Ecco qui allora la ricetta semplice e facile: cosa ci vorrà mai ?

Burro, farina, la lavanda, altrimenti che biscotti alla lavanda sarebbero.....

Un pò di pazienza.....

Veramente pochissima, viste le dimensioni dei biscotti.....

Certamente gli animaletti di qualche post fa mi avevavo fatti dannare di più!!!!!!

Tempo di preparazione: circa 15' per l'impasto e 30' per il riposo della frolla
Costo: basso
Difficltà:*

Ingredienti
1 gr e 1/2 di fiori di lavanda
70 gr di zucchero di canna
135 gr di burro
230 gr di farina 00
30 gr di maizena
1 uovo piccolo
1 pizzico di sale
la buccia di 1 limone non tratttato


Frullare le farine con in fiori di lavanda che, vista la stagione , sono ormai ben secchi.


Aggiungere nel biccchiere del mixer il burro a temperatura ambiente e tutti gli altri ingredienti....


Azionare il robot giusto il tempo necessario per la formazione di una palla che andrà lavorata brevemente, avvolta con pellicola trasparente e posta nella parte bassa del frigo per almeno 30'.


A questo punto, con il matterello stendere una sfoglia alta 2 o 3 millimetri e ricavare con i tagliabiscotti che si hanno a disposizione tante formine che verranno disposte sul varie placche ricioperte da carta da forno...cosparse di zucchero e bucherellate come appare in foto.

Queste altre formine sono state realizzate con altri tagliabiscotti semplici e dentellati e i piccoli elementi decorativi sono stati ricavati da altri stampini a forma di cerchetti, di stella e di mezzaluna...

E incollati passando semplicemente il dito inumidito di acqua.... è sufficiente!!!

Vanno quindi infornati nella parte alta del forno preriscaldato e ventilato a 170° per 10'/12'....


Credo sia inutile ripetere che, passati io primi minuti vanni controlati.... affinche non diventino belli e abbronzati!!!!

Solamente Obama è bello anche se abbronzato....i biscotti proprio NO!!!!!!!

17 commenti:

unika ha detto...

i biscotti sono bellissimi anche se non so se mi piace il gusto lavanda:-) un baciotto
Annamaria

mike ha detto...

la lavanda mi piace un sacco, l'ho usata in una salsetta per le quaglie, e poi vorrei usarla con l'agnello..le casette sono fantastiche, mio zio faceva delle cose simili con le tegole..bacio

Claudia ha detto...

Non ho mai mangiato nulla che contenesse lavanda.. mi incuriosisce molto il sapore di questi biscottini... le casette sono uno spettacolo!!! un abbraccio grandisismo

Mattarella ha detto...

Corro a comprare la lavanda!!mi hai convinto...chissà che buon profumo!!

Simo ha detto...

Complimenti, sono una meraviglia...sia le casette che i biscotti, non saprei che scegliere!
bacione e buon fine settimana!
P.s: aspetto di vedere l'amor polenta "pannocchioso", eheheheh!

Laura ha detto...

Grazia che spettacolo le casette!
Sono belle, belle.
Interessanti anche i biscotti alla lavanda se solo avessi la lavanda.
Mi devo dare da fare per vedere se la trovo.
Buona giornata, ciao

anna righeblu ha detto...

Bellissimi quei biscotti, i fantasmini sono simpaticissimi...poi mi dirai come fai a farli stare "in piedi"?
Le miniature sono splendide! Complimenti a chi le realizza, queste forme d'arte, cosiddette minori, sono testimonianze preziose dell'ingegno, della passione e della fantasia di ammirevoli artigiani-artisti!

Un abbraccio e buon weekend

manu e silvia ha detto...

stupende queste case in miniatura!!
massi...sforna biscotti...vuoi una mano per mangiarli?? noi ci offrimao volontarie! e poi con tutte queste formine certo non ci si annoia!!
bacioni

Luca and Sabrina ha detto...

Grazia, le foto delle casette in miniatura ci hanno lasciati incantati. Adoro, adoriamo il legno, è forse una delle materie prime alle quali più siamo legati. Un regalo di questo tipo è preziosissimo, abbiamo notato le finiture, i particolari, una meraviglia per gli occhi. Lo stesso effetto ce l'ha regalato la sfilata dei tuoi biscotti alla lavanda. Qui abbiamo già una domanda da farti, confidiamo in te. Dove troviamo i fiori di lavanda? Commestibili! Allora, sul terrazzo abbiamo una pianta di lavanda, ma ci è stato detto che non è commestibile, perchè dovrebbe subire un trattamento particolare. Ti risulta che sia così? Una volta che fiorirà non potremmo utilizzare i suoi fiori?
Svelaci questo arcano, solo tu puoi!
Abbiamo una voglia folle di preparare dei biscotti alla lavanda, tanto che la pianta che abbiamo doveva servire allo scopo!
Il sapore della lavanda è delizioso, figurati che abbiamo tanti prodotti con questo profumo, dalle creme, alle candele, ai pout pourri, ma il the best è un rosolio alla lavanda! Devi sentirlo! Potremmo aggiungerne alcune gocce nei biscotti!
Baci da Sabrina&Luca

Mestolo e Paiolo ha detto...

Le casette in miniatura mi hanno ricordato la mia infanzia, mi ha emozionato leggere questo post. Non ho mai assaggiato i biscotti alla lavanda, ma son certo che sono squisiti.
Ciao Grazia,
Stefano

NIGHTFAIRY ha detto...

Non ho mai provato a usare la lavanda in cucina!I biscotti sembrano deliziosi!

LaGolosastra ha detto...

che delicatezza!
Ho finito tutta la mia lavanda nel confezionare regali natalizi... e ora come faccio a provare la ricetta?

dario ha detto...

non li ho mai provati i biscotti alla lavanda, i tuoi sono bellissimi!

ciaoo e buona domenica!

Caty ha detto...

è così bello leggere i tuoi ricordi !! e questa casa è fatta con così tanta cura da sembrare davvero una vera rimpicciolita magicamente .i biscotti sono bellissimi e l'idea di incollare due forme tra loro eecezionale , mi sà che qualche biscottificio te la ruba!!!un abbraccio

blunotte ha detto...

Io mi ritrovo molto di piu' negli oggettini fatti di conchiglie che nelle casette in legno, ma i biscotti ci mettono proprio d'accordo.

Vita di mamma ha detto...

I biscotti saranno sicuramente deliziosi, ma anche le formine nuove non scherzano! Molto carine!
E poi le casette che ci hai mostrato sono davvero bellissime, io non le avevo mai viste. Quanto amore e cura nel particolare che l'artigiano ha messo nel suo lavoro, e il risultato si vede.

Anonimo ha detto...

Perche non:)