lunedì 28 luglio 2008

Mammazan è tornata con Anello di riso Venere e dadolata di verdure















Ho latitato un po’ ma non mi sono data alla bella vita!!!

Ho scaricato regolarmente la posta ho letto tutti i commenti e ringrazio tutte le amiche per le espressioni di bentornata che mi hanno fatto pervenire !!

Mi è sembrato carino, almeno nelle intenzioni, passare dai vari blog per postare un commento,un saluto e un ringraziamento.

A volte la connessione gemeva e spesso, dopo 10 ‘ di attesa per collegarmi ad alcuni blog ho lasciato perdere e spero di essere perdonata.

In più ho assunto una postura sbagliata mentre ero al pc e quindi un dolore alla gamba (sciatica, forse?) non mi abbandona ancora…..

In questi ultimi giorni c’era la festa al Rifugio Carlo Alberto per cui c’era fermento.

Il gruppo a cui appartengo e nell’ambito del quale faccio volontariato, doveva allestire i banchi per la vendita di abiti usati e il cui ricavato sarebbe andato al Rifugio stesso.

Abbiamo lavorato 3 giorni per fare il tutto ma l’affluenza degli acquirenti è stata inferiore alle aspettative per cui l’incasso è stato relativamente modesto.

C’è stato un momento molto gradevole, però, ed è stato rappresentato dall’oretta passata in compagnia di M che avevo conosciuto alla Fiera del Libro.

Per chi non ha ancora avuto la fortuna di conoscerla tenterò di descriverla.

Bel viso aperto, occhi splendidi, simpatia da vendere, eloquio piacevole e interessante e tante cose da raccontare.

Fa delle cose meravigliose ed interessanti in modo scientifico e serio e per quei pochi che non la conoscono ancora, credo valga la pena di fare un salto a curiosare nel suo blog …..

Ma passiamo alla ricetta che propongo.

Non è nulla di trascendentale ma può essere un modo di presentare il piatto in un modo un po’ insolito e, come amo ripetere, scenografico.

Io l’avevo preparato anche perché avevo acquistato lo stampo ad anello nel negozio di Pinerolo di cui ho parlato in qualche post fa e volevo utilizzarlo ben sapendo che, per gli ingredienti utilizzati, mio figlio non l’avrebbe neppure assaggiato.

Ma il mio adorabile genero invece è stato di altro avviso…….

Avevo ancora del riso Venere, acquistato in un negozio che vende, a peso d’oro, i suoi prodotti.

Credo di aver pagato il pacchetto da 500 gr circa 4 euro, mentre mio figlio a Milano ha acquistato lo stesso tipo ma non bio a ad 1/3 del prezzo….

Ho voluto quindi utilizzarlo prima che le camole popolassero a sciami la dispensa

Tra l’altro quel prodotto che attira le farfalle in dispensa(Autan antitarme) funziona bene.

Darò delle indicazioni di massima circa gli ingredienti lasciando che la fantasia suggerisca alle mie amiche, varianti e accostamenti diversi q seconda del gusto…

Tempo di preparazione: circa 1 ora e circa 15’ per l’assemblamento del piatto

Costo: basso

Difficoltà:*

Ingredienti per 2 persone

100 gr di riso Venere
1 cipolla o scalogno

1 spicchio d'aglio e 1 cipollina per le verdure stufate
3 zucchine con il fiore

2-3 carote
prezzemolo
basilico
1 misurino di granuale per brodo vegetale


Comincio dalla preparazione del riso che è una via di mezzo, a mio avviso, tra il risotto e il riso bollito.

Versare 3 cucchiai di olio extra vergine in un tegame, meglio se antiaderente, e mettere a soffriggere una cipollina o uno scalogno, se si vuole un gusto leggermente più deciso, e una dadolata di zucchina, ne basta una.

Quando le verdure sono dorate aggiungo il riso Venere e del brodo vegetale freddo, circa ½ litro

come consigliato sulla confezione del prodotto.

Portare dolcemente ad ebollizione e continuare la cottura senza mescolare.

All’occorrenza aggiungere del brodo caldo e iniziare a mescolare delicatamente per circa 45’/50’ e regolare di sale.

Il brodo vegetale l’ho ottenuto aggiungendo un misurino di granulato per brodo vegetale della Knorr.

Nel frattempo ho preparato le verdure da usare come contorno e decorazione.

Avevo in casa delle zucchine freschissime col fiore e delle carote e quindi, ridotte in dadolata, le ho fatte stufare in tegame con olio extra, cipolla e aglio tritati e un poco di prezzemolo e basilico tritati sale e pepe macinato al momento.

Altre verdure come peperoni, melanzane possono essere aggiunte, dipende da quello che si ha a disposizione in frigo.

Ho quindi spennellato con olio lo stampo di cui ho parlato in precedenza e quando il riso è arrivato a cottura e fatto raffreddare un poco, l’ho versato nel contenitore pressandolo per bene.

Ho atteso qualche minuto per paura che nel rovesciarlo sul piatto di portata potesse sfaldarsi e quindi ho riempito il foro centrale e il contorno con la dadolata di verdure come appare in foto.

Completo la decorazione del piatto con i fiori di zucchini, soffritti brevemente e ben allargati , in un goccio d'olio e cosparsi di sale e pepe.

Non resta altro che provare e gustare.

Ai miei ragazzi è piaciuto!!!!!

22 commenti:

unika ha detto...

molto coreografico....piace tanto anche a me:-)
Annamaria

anna righeblu ha detto...

Ciao Grazia, congratulazioni! Un rientro alla grande!
L'anello è bellissimo con quei colori e molto scenografico ma, penso, anche altrettanto gradevole e gustoso!

Un abbraccio!

Mestolo e Paiolo ha detto...

davvero bello e sicuramente delizioso! Sei sempre molto chiara nelle descrizioni.
Buon inizio settimana.
Stefano

clamilla ha detto...

Non c'è che dire.....il tuo rientro non passa inosservato!
Sei veramente bravissima!
Martina

Caty ha detto...

...Mammazan come faccio a non mangiare se poi si vedono queste cose sublimi per gli occhi e per il palato? p.s. quando capita , qual' è il segreto perchè le melanzane vengano buone ?grazie e un abbraccio

Pippi ha detto...

ciao Grazia che bello aprire il tuo blog e trovare un tripudio di colore così!!!!! bellissima la presentzione e dovrei decidermi a provare il riso venere....hehehe ti saluto cocca (heheh) a presto !!! Pippi

Tatiana ha detto...

Molto scenico lo adoro il riso venere brava Grazia!

marinella ha detto...

Ciao Grazia, sono stata tanto contenta di vederti, dobbiamo proprio trovarci per un pomeriggio tra "ragazze". Comunque mi fai troppi complimenti, si vede che non mi conosci ancora benissimo!
Scherzi a parte, avevi ragione, la tua corona di riso venere si mangia letteralmente con gli occhi. Un grosso abbraccio e a presto, fammi sapere quando hai un pochino di tempo libero.

nino ha detto...

Ciao Grazia,
un ritorno alla grande, non
c'è che dire, colori vivaci,
insomma bello.
Ciao
Nino

Dolcetto ha detto...

e ci credo che è piaciuto! Piacerebbe anche a me! Non ho mai assaggiato il riso venere e fatto ad anello è davvero piacevole anche per gli occhi!

Arietta ha detto...

un piatto veramente originale e colorato, molto elegante nell'insieme! mai provato il riso venere,dovrò rimediare ;-)

comincio a salutare tutti, dato che tra 3 giorni parto per le vacanze, quindi un bacione!

emilia ha detto...

Buono, a me piace....bella anche la presentazione. Un bacione :)

p.s. mazzate ma tuo figlio e' davvero esigente ! :)

Fra ha detto...

Mamma zan è tornata alla grande...più in forma che mai! Bellissimo l'anello davvero scenografico
Un abbraccio e un bacio grandi

Chantilly ha detto...

che bello!
sapevo di non dover passare di quà prima di pranzo!
peggio per me!
veramente molto bello da vedere, i colori sono uno spettacolo.
ti prego dimmi che non era troppo buono!

LaGolosastra ha detto...

Ma che bello (e che buono dev'essere)! Abbiamo appurato che sei tornata più in forma che mai!
Un abbraccio fortissimo!

Pamy ha detto...

Ciaoooo, sai non ho mai mangiato il riso venere ma presumo che il sapore non cambi da quello bianco???
cmq questo piatto dev'essere buonissimo....a presto

L'Antro dell'Alchimista ha detto...

Splendida presentazione. Ho giusto un poco di riso venere avanzato in dispensa che attende la sua degna sorte. Baci Laura

twostella il giardino dei ciliegi ha detto...

Non ho mai acquistato il riso venere, ma dopo la tua ricettina mi è venuta voglia di sperimentare! Buona notte!

panettona ha detto...

ciao mammazan apporfitto di questo momento di connessione per farti un saluto... fantastico il tuo piatto!!!
baci

velia ha detto...

Insomma 6 un vero portento!
Il piatto davvero scenografico è un piacere per gli occhi e non oso pensare per il palato. Non ho mai utilizzato il riso venere...ieri ho sperimentato il riso nero selvatico. E' stato difficile perchè quando è cotto sembrano dei bastoncini di legno....però era buono accostato con il Riso Thai...
Brava 10 e lode e 10 cappelli

Anonimo ha detto...

necessita di verificare:)

Anonimo ha detto...

leggere l'intero blog, pretty good