mercoledì 30 luglio 2008

Biscotti ai fiori di gelsomino














A dire la verità è un po’ che ho preparato questi biscotti….i fiori non ci sono più e neanche loro.

Ho pensato però che altrove in zone più calde , visto che la stagione è arrivata in ritardo per tutte le fioriture di ogni genere sarà possibile trovare del gelsomino bianco ancora in fiore e, ovviamente profumatissimo.

Quello che orna il mio cortile è una vecchia pianta alta almeno 6 metri che ingentilisce un vecchio caseggiato o rudere, a seconda dei punti di vista, che sorge nel cortile di casa mia e che risale , come il resto del rustico, al 1856.

Ne fa fede un mattone inserito nella costruzione caratteristica di queste parti con tetto in lose e balcone semidistrutto da un incendio…

Quando sarà possibile bisognerà pensare ad una ristrutturazione e credo che verrà fuori una bella costruzione adatta per trascorrere il fine settimana o l’estate.

Mi ricordo che una domenica mattina mi sono decisa: dovevo preparare questi biscotti e allora alle 7, in camicia da notte, sono scesa in cortile con un tazzone per la colazione, le mani ben pulite e ho dato una scrollata alla spalliera di gelsomino.

Ho quindi raccolto dall’erba alta coperta con un telo i fiori appena caduti anche perché a raccoglierli uno per uno mi sarebbe passata la voglia.

Devo dire che ho cercato lumi anche su Internet ma o non sono stata abbastanza paziente nella ricerca o in effetti non c’era nulla e allora ho fatto di testa mia…….

Tempo di preparazione:15’ per l’impasto della pasta frolla, 30’ di riposo in frigo

Costo: basso

Difficoltà:*

Ingredienti

16 gr di fiori di gelsomino
110 gr di zucchero
1/2 tazzina da caffè di alcol puro

160 gr di farina autolievitante
150 farina 00

9 gr di lievito per dolci
100 gr di burro
1 uovo

1 pizzico di sale

Dopo aver raccolto i fiori li ho messi a macerare in un barattolo con lo zuccheroe una mezza tazzina da caffè di alcol puro.

Ho lasciato macerare il tutto per due giorni agitando il barattolo più volte al giorno.

Ho impastato quindi a mano i vari ingredienti per la pasta frolla.

Non ho usato il mixer perché volevo che i fiori rimanessero integri e non venissero “strapazzati” da dal robot.


Ho lavorato quindi brevemente il tutto ho avvolto l’impasto a cui ho dato la forma di una palla in frigo per almeno 30’.

Se la frolla rimane per più tempo la pasta acquista in friabilità.

Passato il tempo di riposo indicato ho steso la frolla non troppo sottile, almeno 3-4 mm, e, usando gli stampi da biscotti che avevo a disposizione e per troppo tempo dimenticati, ho ricavato tante formine diverse tanto per dare un po’ di fantasia alla preparazione .

Ho foderato varie teglie con carta da forno, distanziando i biscotti perché cresceranno in cottura, ed ho infornato in forno preriscaldato e ventilato a 170° per 12’/15’ controllando spesso la cottura.

Se si hanno a disposizione delle scatole di latta saranno utili per la conservazione dei biscotti.

Io ho visto che mio figlio invece li conserva in un grosso barattolone di vetro con tappo di legno e guarnizione di plastica ( Ikea) e dice che si conservano benissimo.

Oppure ilo freezer è il refugium peccatorum per tutti i nostri problemi di conservazione.

Ovviamente consigli, critiche e suggerimenti vari sono ben accolti….. come sempre!!!!

18 commenti:

Pamy ha detto...

Ciao carissima;)
perchè un giorno non mi inviti cena da te;)))))
scherzo i tuoi piatti sono strepitosi
baci

Micaela ha detto...

non pensavo che i fiori di gelsomino fosero commestibili!!! da queste parti ce ne sono tantissimi! voglio provarli!
un bacione

Fra ha detto...

CAspita Grazia questi biscotti devono essere profumatissimi. Io ho una bellissima pianta di gelsomino in terrazza che il mio moroso cura con amore...il prossimo anno saprò cosa fare con la sua adorabile fioritura
Un bacio
Fra

petunia ha detto...

Finalmente arrivata tra i primi 5 nelle risposte...... mi sento felice.. sono una delizia i tuoi biscottini,da me si trovano ancora molto facilmente le fioriture di gelsomino....... te la copio in quattro e quattr'otto e complinti
ciao

Mammazan ha detto...

@Pamy
se fossimo più vicine!!!
@Micaela
In Sicilia fanno il gelato al gelsomino e credo che sia una cosa strepitosa!!
@Fra
prova anche tu poi dimmi....
@Petunia
Ho fatto bene allora a pubblicare la ricetta.
Ovviamente ognuna può fare delle varianti.

Pippi ha detto...

ma Grazia io non lo sapevo che i fiori di gelsomino fossero commestibili...siete ancora vivi..questo è un buon segno eheheheh (scherzo) ho una siepe intera di gelsomini e non lo sapevo che li potevo mangiare oltre che spazzare via una volta rinsecchiti e caduti per terra....... heheheheh me la segno per la prossima stagione sono favolosi questi biscottini! un bacio Pippi

Luca and Sabrina ha detto...

Anche noi, come tuo figlio, i biscotti li conserviamo in barattoli di vetro del tipo ikea. Non potevamo non lasciare la nostra traccia, all'interno di questo post. I biscotti ai fiori di gelsomino ti sono riusciti una meraviglia, aspettiamo la stagione giusta per potere trovare i fiori e seguiremo la tua splendida ricetta! Come sempre sei un mito, alle 7 del mattino sei più attiva di noi due messi insieme!
Baci da Sabrina&Luca

marinella ha detto...

Bellissima la tua soluzione per fare questi biscotti. Il gelsomino profuma anche molto da secco, sopratutto se si riescie a farlo seccare rapidamente e all'ombra. Una volta secco lo puoi usare per aromatizzare il te, e anche per fare i biscotti. Mi viene solo ora in mente che se l'alcol si profuma abbastanza, si possono preparari gli scaldotti al gelsomino, devono essere una bomba.
Adesso preparo un post sugli scaldotti. baci.

michela ha detto...

Bellissimi..con tutto il gelsomino che ho non dovrebbe essere un problema reperire i fiori nemmeno ora...grazie mille.
ciao

velia ha detto...

Dire Brava sarebbe riduttivo.
Non ho mai pensato ai fiori del gelsomino. Io solitamente uso malva, lavanda e camomilla per i miei pani speciali ma questa mi è nuova. Sei una grande!

Dolcetto ha detto...

Chissà che profumo questi biscotti, anche da me non ci sono più i fiori però me la stampo per l'anno prossimo!

Chantilly ha detto...

chissà che buon profumo, trovo molto intrigante mangiare dei fiori.
io li ho assaggiati fritti con la pastella. ottimi.

Caty ha detto...

non sapevo si potessero usare , dato che ne ho una bellissima pianta ,sperimenterò la tua ricetta! un saluto e sempre grazie

Ciboulette ha detto...

A casa di mio suocero ci sono 2 piante di gelsomino, di tipo diverso (ma io non me ne intendo..) chissa' se sono ancora fioriti.....

Ti saranno venuti bene senz'altro, anche se non hai trovato nulla in giro....anzi uno lo prenderei anche adesso! Anzi, fortuna che non ce li ho davanti, senno' altro che uno..... :D
Baci!

Roberta Filava ha detto...

che meraviglia...sei geniale!! complimenti
roberta
passa da me c'è un giveaway/regalo/candy in palio per l'estate in città e sotto l'ombrellone!!!

Gatadaplar ha detto...

Ciao! Arrivo dritta dritta dal blog di Marinella e anch'io terrò presente questa ricettina... Ho una pianta di gelsomino sul balcone ma non è molto prolifica di fiori... ma la mia vicina si!!!!
Ha tutta una intera parete tappezzata di gelsomino! :DDD
Un salutone =(^.^)=

federico ha detto...

ciao grazia passando da un blogger amico ho scoperto il tu post ...che meraviglia il reportage e sopratutto da appassionato goloso che ideuzze ...
volevo dirti che mi trovo in Sicilia e confermo ho provato una granita al gelsomino davvero strepitosa, ma non credo sia particolamente diffusa e ovvio che quella al limone ed alla mandorla la fanno da padrona.
Spero avrai il tempo di venirmi a trovare sul mio nuovissimo blog...a presto federico

Teresa ha detto...

Una ricetta davvero interessante,come tutto il tuo blog...complimenti,buona serata!!!