giovedì 23 agosto 2012

Dolce fondente con pesche e amaretti


Lasciarsi è tutto quello che sappiamo del  paradiso...


E quanto ci basta dell'inferno...

Emily Dickinson ( 1830-1886)



Non credo che coniugare il verbo Calmierare sia particolarmente difficile....
E' un verbo regolare, appartenente alla prima coniugazione...quella che finisce in are ...



Il suo significa, credo sconosciuto a chi ci governa, è: Stabilire il prezzo massimo a cui può essere venduta una merce....ad esempio ...calmierare la benzina...

Un tempo c'erano le sette sorelle..qualcuno di noi ricorderà almeno due o tre  dei nomi delle compagnie petrolifere che facevano cartello in modo non solo per fissare il prezzo del greggio ( spero di non sbagliare) ma anche per eliminare ogni sorta di concorrenza...
Ora non solo la concorrenza è minima ma si verifica con frequenza allarmante una corsa al rialzo... 
Limitare le accise??? 
Ma neanche per idea....
Fare in modo che il trasporto merci avvenga su ferrovia?
E chi li sente i padroncini che vivono appunto  di tale mezzo di trasporto?
Allora come porre freno a queste impennate del prezzo del carburante al minuto la cui conseguenza è l'aumento di tutti i generi di consumo con conseguente riduzione degli acquisti e problemi per le aziende che vendono sempre meno?
E' un cane che si morde la coda!!!
Pensiamo alla salute che è meglio!!

La ricetta che propongo oggi è veramente consolatoria..un dolce al cioccolato con il felice connubio tra  la freschezza della pesca incastonata o meglio racchiusa nel   morbido abbraccio dell'impasto..
Tempo di preparazione: circa 25'
Costo: medio
Difficoltà:*

INGREDIENTI
150 gr di cioccolato fondente
2 pesche 
120  gr di burro
120 gr di zucchero
75 gr di farina 00
una manciata di amaretti 
3 cucchiai di latte
3 uova
1 pizzico di sale

Porre il cioccolato spezzettato in un pentolino a fondo spesso, aggiungere i 3 cucchiai di latte e farlo fondere su fuoco bassissimo oppure a bagno maria ...



Unire il burro e sempre mescolando far amalgamare per bene il tutto...
Si deve ottenere una crema omogenea e vellutata...
Levare dal fuoco e far raffreddare..



Montare con una frustina  i tuorli con lo zucchero a velo...
I bianchi verranno montati a neve e utilizzati in seguito...


Aggiungere la cremina che si sarà ottenuta al composto di cioccolato ormai tiepido....


Ora è la volta della farina che verrà, poca per volta, unita al tutto per mezzo di un setaccino....


Ultimo step: unire delicatamente all'impasto i bianchi montati con un pizzico di sale ..
Aggiungerli un po' alla volta mescolando con la frustina con movimenti dall'alto verso il basso per non farli smontare....


Versare l'impasto, meno 3 cucchiai, in uno stampo di silicone da plum cake o in altro stampo ben imburrato ed infarinato...
Mescolare i 3 cucchiai tenuti da parte con una manciata di amaretti sbriciolati...



Privare le pesche della buccia, e tagliarle a metà..l'ideale sarebbe quello di usare pesche spiccagnole...



Disporre le pesche denocciolate, con la parte tagliata verso l'alto, sulla base al cioccolato versata nello stampo e colmarle con l'impasto agli amaretti....



Fino all'esaurimento dello stesso...
Disponendo di uno stampo più grande di quello che ho usato io si può aumentare di un'unità la quantità delle pesche...


Infornare ora in forno preriscaldato, ventilato alla temperatura di  160° per circa 30'/40'...



Passato tale tempo far raffreddare perfettamente il dolce, sformarlo su un bel piatto da portata  e tagliarlo a fette...



Buono è buono e poi con quella bella mezzaluna morbida è il massimo!!!

La ricetta è tratta da un vecchio numero di: Cucina Moderna Oro

Speriamo che arrivi Beatrice!!!!

14 commenti:

Ely ha detto...

Alla salute ci pensiamo eccome, con questo dolce spettacolare! :) Che buono Grazia! Fa venire voglia di dargli un morsetto! Passo in tempo per colazione.. quasi quasi.. :P Come non gustarlo poi, se mi citi anche Emily? ;) Un abbraccio cara! E buona giornata!

mame cara ha detto...

no vabbè tu cara mi fai commuovere è il sole che sorge questa meraviglia :D

Mary ha detto...

Buona e golosa questo dolce!

ELel ha detto...

Wow!! Buona dev'essere buona, ma è soprattutto bella! Semplice, ma scenografica, complimenti...soprattutto per aver avuto il coraggio di accendere il forno con sto caldo ;))

Dory_Mary ha detto...

delizioso.....complimenti davvero hanno una vista spettacolare

Ilaria ha detto...

Sai, quando a governare sono persone che la benzina non la paga, poco gli importa.
Ma che ne è stata della proposta dello scorso inverno di ridursi lo stipendio?
Meglio mangiare qualcosa di dolce, meglio se con del cioccolato, per non farmi pensare a queste cose!

Katya ha detto...

Una vera rivoluzione sarebbe quella di abbandonare le auto e riprendere a usare le bici per spostamenti lontani o i piedi. I nostri politici ci stanno mettendo in ginocchio per salvare i loro errori e noi che facciamo per difenderci?.... Deliziamoci con un'altro dei tuoi dolci che è meglio! Buon pomeriggio. Ciao!

pamelina ha detto...

che buono questo dolce sai?
mi è venuta proprio voglia di provare a farlo...magari per il dolcetto della domenica :)

aleste ha detto...

Uno spettacolo questo dolce: l'idea della mezza pesca è ottima e poi è così goloso!

Babe - La Cucina di Babe ha detto...

E' uno sporco lavoro ma qualcuno lo dovrà pur fare! E il cioccolato lo fa molto bene...effetto consolatorio assicurato.
Dolce stupendo davvero
Ciao e piacere di aver trovato il tuo blog.

Ale ha detto...

ciao ma che meraviglia questo dolce...mi sono unita ai tuoi lettori! se ti fa piacere, passa a trovarmi:

dolcementeinventando.blogspot.it

lidia ha detto...

Una fantasia di gusti....pesca e amaretto un connubio fantasticooooooooooooo...Bacioni

Manuela e Silvia ha detto...

Molto bello l'effetto delle pesce nel cake! davvero un gioco di sapori e colori ben idealizzato!
un bacione

delizia divina ha detto...

ottimo dolce goloso al cioccolato!!!