giovedì 24 maggio 2012

Madeleines mon amour...ovvero le Madeleines classiche al limone



Chi dice ciò che vuole deve aspettarsi ciò che non vuole...


Euripide ( 485 a.C.-406 a.C.)







Questi deliziosi dolcetti possono evocare riminiscenze letterarie,  e mi riferisco a Proust, oppure fanno venire vacanze piacevoli trascorse in Francia.....





Devo dire per prima cosa che mi piace la lingua francese che trovo sia molto gradevole e musicale, le canzoni....chi non ha nel cuore quelle struggenti di Edith Piaf, le cittadine  deliziose e a misura d'uomo, le spiagge, i ristorantini che espongono in bella vista menù e prezzi ...


La Camagrue, Sainte- Marie de la Mere, Grasse con le Usines Fragonard e tutti gli altri paesi visitati nel corso di diverse vacanze....


Credo però che l'emozione più grande io l'abbia  provata visitando il Louvre  quando, in cima alla scalinata, mi è apparsa la Nike di Samotracia ..fotografata, unitamente ad altri reperti, solo sui libri quando dovevo preparare le cartelle fotografiche per gli studenti dell'Istituto di Archeologia...


E la Gioconda allora???


Su quattro giorni di vacanza a Parigi ne abbiamo passato uno e mezzo visitando le varie sale....e credetemi ce ne sarebbero voluti molti di più...


Per chi volesse approfondire la storia recente e antica  di Parigi suggerisco di leggere il bel libro di Corrado Augias: "I segreti di Parigi"  nel quale non solo sono descritti i vari monumenti quali appaiono ora ma anche quello che era stato costruito un tempo e poi spesso demolito in modo drastico  senza tener conto del valore di quanto  andava perduto....


Ma anche qui in Italia possiamo vantare una quantità incredibile di palazzi, monumenti, resti archeologici e molto altro ancora che vanno in malora allegramente....






Ma vogliamo parlare di questi dolcetti deliziosi???


Ecco la ricetta:


Tempo di preparazione: circa 20' più il riposo in frigo almeno 2-3 ore
Costo: Basso
Difficoltà:*


INGREDIENTI
110 gr di farina 00 della Rosignoli Molini
8 gr di lievito per dolci
1 pizzico di sale
1 bustina di vanillina
2 uova
La buccia grattugia di un grosso limone non trattato
100 gr di burro
110 gr di zucchero


Per prima cosa setacciare due volte la farina con il lievito, il sale e la vanillina...


In una capace scodella con le fruste elettriche sbattere il burro fuso e freddo con lo zucchero..




Unire le uova una alla volta...




La buccia grattugia di un limone non trattato...



E, per ultima la farina setacciata precedentemente e  aggiunta a manciate, poca per volta.....



Aggiungendo poca farina  per volta si riesce a lavorare meglio l'impasto...



Ecco come appare l'impasto a fine lavorazione...





Sigillare la scodella con pellicola trasparente e porre in frigo per almeno 2-3 ore...


Per esperienza ho potuto constatare che questo impasto si può preparare anche il giorno precedente l'utilizzo...


Levare la scodella dal frigo 15' prima di mettersi all'opera..


Ora porre delle piccole porzione dei vani degli stampi di silicone ( per le dosi indicate ne occorrono tre) ed infornare in forno preriscaldato, ventilato a 170° per 10'/13'..





Far raffreddare i dolcetti negli stampi..quindi staccarli delicatamente e porli in scatole di latta...


Onestamente non so quanto si possano mantenere in simili condizioni....



Ogni volta che ho preparato questi biscotti sono spariti subito o sono partiti per diverse destinazioni...


Per non sbagliare, in un'occasione,li ho conservati in  frigo!!!

20 commenti:

Il blog di Ivana ha detto...

goduriose !!! sono peggio delle ciliegie. Brava. Ciao

carmencook ha detto...

Favolose davvero!!
Pensa che sono anniche ho comperato gli stampini e ancora non le ho mai fatte!!
Penso proprio che sia arrivato il momento di inaugurarli!!
Grazie per la bella ricetta!!
Un bacione Carmen

Valentina ha detto...

Buonissime Grazia!!Le ho fatte anche io un po di tempo fa e confermo, spariscono in un batter d'occhio..meglio nasconderle ;)
ciao ciao

raffy ha detto...

mi hai convinto, le devo provare appena posso!!! sono bellissime...

muffins ha detto...

Adoro le madeleines e le tue sembrano davvero buonissime. Ho lo stampo a casa già da tempo ed è ancora immacolato, magari grazie a te non lo sarà più. Ciao!

ELel ha detto...

Le madeleines...ah, io le adoro! Follemente, lo giuro! E quindi non le faccio mai perchè sennò le faccio fuori in 3 secondi netti!

Manuela e Silvia ha detto...

Ciao Grazia, deliziose queste madeleine al limone! Un agrume che in cucina si usa moltissimo e che nei dolci da quella marcia in più!
Un'ode alla francia con questi dolcetti...
baci baci

Mary ha detto...

Ho preso nota mi hanno caturata.

Donaflor ha detto...

Ma sai che anch'io sono rimasta un giorno a visitare il Louvre...! Stupendo...troppo bello!
e le tue madeleines ...deliziosissime!
bacioni

Giovanna ha detto...

particolari non ho mai provato a farle ma tu mi hai incuriosito buona giornata

Patty ha detto...

Del mio amore per Parigi ci ho fatto un post qualche settimana fa di ritorno dall'ennesimo viaggio di devozione. Il libri di Augias l'ho letto e riletto ed ho provato il stesso senso di smarrimento e stupore alla vista Dell Vittoria alata sulle scale del Louvre. Se ci ripenso mi emoziono ancora. Grazie per il tuo post così tenero ed pieno di splendidi ricordi. Un abbraccione. Pat

Roberta ha detto...

Ciao, molto bello il tuo blog! Sei una bravissima cuoca! Io ci provo soltanto ad esserlo..se ti va passa a visitarmi: http://ricetteroby.blogspot.it/
Grazie mille!!

Claudia ha detto...

bellissimeeeee e chissà che buone!!!! io non l'ho nemmeno mai assaggiate! baci e buon w.e. :-)

renata ha detto...

Mai assaggiate.... ma anch'io ogni volta che sento questo dolcetto...ogni volta... penso a Proust e alla sua ricerca del tempo perduto...Romantico e goloso
Brava Mammazan!!!!!
Un bacio

eli ha detto...

Ah le madeleines!
Le faccio spesso! E ogni volta sperimento una ricetta diversa nell'intento di ritrovare il sapore di quelle della mia nonna.
Proverò anche le tue!
Bisous!

NADIA ha detto...

Mi riprometto sempre di comprarmi lo stampo in modo da farle anch'io perchè sono deliziose!
Comunque concordo con te: la Francia ha quel non so che di romantico, specialmente in Provenza dove si rimane inebriati dai profumi e dai colori che la natura offre!

Nadia - Alte Forchette -

Chiara Giglio ha detto...

il libro di Augias è in libreria, a portata di mano ma le Madeleines purtroppo non sono a portata di mano, anzi di bocca...sob...Buon weekend Grazia!

La Gaia Celiaca ha detto...

ti sono venute perfette queste madeleines.
e sulla francia, come non concordare?

Ilaria ha detto...

Ahhh, Parigi. Come si può non amare questa città!! Io ricordo di essere rimasta incantata al Louvre davanti ad Amore e Psiche, ma per i quadri niente è paragonabile al museo d'Orsay con tutti i suoi quadri impressionisti.
Le madeleines non le ho mai preparate (purtroppo non ho gli stampi) ma mi stuzzicano davvero tanto. Le tue sono divine, hanno un aspetto perfetto!
Buona domenica.

lory&elisa ha detto...

mhhh---mia nonna ce le faceva sempre...che buone!!!