martedì 6 marzo 2012

Torta Conca d'oro



Leggere senza riflettere...









E' come mangiare senza digerire...
Edmund Burke ( 1729-1797)






Ho appena visto alla tele uno spot sulla violenza sulle donne....


Occhi pesti, facce gonfiate di botte e, sempre, lo sguardo perso ed infelice...


E mi è venuto in mente un fatto riferitomi da mia madre e accaduto tantissimi anni fa...


Un nostro lontano parente vedeva rientrare la figlia, dopo un appuntamento con il fidanzato, tutta mesta ed infelice...


Attribuiva questo atteggiamento al dispiacere di aver lasciato  anche solo per poche ore l'amato bene....


Poi ad un tratto qualcosa lo insospettì e, messa alle strette la figlia, scoprì con sgomento che il caro fidanzato la riempiva di botte e la minacciava di ritorsioni ancora più violente nel caso lei ne facesse parola in famiglia....


E questo a 15 giorni dal matrimonio.


Ovviamente le nozze furono annullate.


Io mi  chiesi allora e me lo chiedo ancora adesso come poteva iniziare una vita a due con queste prospettive....


E ricordo ancora quello che mi disse la mia dottoressa di base a proposito delle violenze in famiglia:


" Ci sono dei mariti insospettabili".


E' facile ora dire telefona al 1522 ( avrò riportato esattamente il numero verde?) ...paura di altre violenze, sottomissione psicologica, 
debolezza possono per anni e anni impedire a chi è l'oggetto di queste di denunciare questi fatti....


Ma si può vivere una vita in questo modo e coinvolgere anche involontariamente i figli facendo vivere anche loro in un clima di terrore??


Finire più volte in ospedale cercando di giustificare  i lividi e le fratture e facendoli passare per una sbadataggine?


Bisogna avere la forza di denunciare quanto accade...sperando poi che il caro coniuge non ti aspetti per strada e faccia fuori te  i tuoi figli e chiunque trovi sulla sua strada.....





Parliamo della torta che propongo oggi ...è meglio!


Torta profumata e semplice da preparare....


La fetta ?? non appare nelle foto... quando devo regalare un dolce  non faccio la ripresa della sezione.


Tempo di preparazione: circa 30'
Costo: basso
Difficoltà:*


INGREDIENTI
90 grdi mandorle senza pellicina
160 gr di farina auto lievitante
180 gr di zucchero semolato
3 uova grandi o 4 piccole
40 gr di burro
succo e buccia di 2 grosse arance non trattate


Frullare  le mandorle e mescolarle alla farina auto lievitante e porre il tutto in una capace scodella...


Per chi non l'avesse a disposizione usare la farina 00 e poco più di mezza  bustina di lievito per dolci.









Porre nel boccale del mixer le bucce delle arance, pelate con un pelapatate avendo cura di prelevare solo la parte gialla e frullare con 70 gr di zucchero presi dal totale indicato nella lista ingredienti...





Unire alle farine e mescolare con cura...







Mixare il resto dello zucchero con il burro fuso aggiungendo il succo delle arance filtrato  come appare qui sotto...






Ora è il turno delle uova......






Versare la massa liquida nella scodella in cui abbiamo posto le farine e la buccia d'arancia frullata con lo zucchero e mescolare con cura...



Versare ora il tutto in  uno stampo di silicone o in altro stampo ben imburrato ed infarinato ed infornare in forno preriscaldato, ventilato alla temperatura di 170° per circa 40' ...





E dopo tale tempo questo è il risultato....




Ricordarsi sempre di fare la prova dello stuzzicadenti sempre basilare per saggiare la perfetta cottura del dolce.....




Ed ora buona giornata a tutti!!

La ricetta è tratta, con varie modifiche, da " 1000 piatti con la frutta".




19 commenti:

Stefania Orlando ha detto...

Purtroppo vivo in un Paese dove la tutela per le donne che subiscono violenze domestiche e' ancora relativa, anche se devo dire che anche qui e' la paura di denunciare il primo male.

Un abbraccio!

Natalia ha detto...

E' vero! Ogni giorno ci sono donne che subiscono chissà cosa mentre la nostra vita scorre tranquilla.

Era tanto che non passavo, ma ho avuto un periodo di lontananza blog.
Una abbraccio a te.

letizia ha detto...

La violenza sulle donne è una piaga sociale, ben vengano questi spot, speriamo servano a dare coraggio a chi subisce questi maltrattamenti per denunciare!
La torta mi sembra buonissima, ho salvato la ricetta la proverò!
Buona giornata

renata ha detto...

Un bacione per quello che scrivi...certe situazioni sono davvero difficili da comprendere .... molto difficile è soprattutto uscirne fuori.....incoraggiare al cambiamento è importante!!!!
Ottimo dolce!!!!

Anna Lisa ha detto...

Certe situazioni sono incredibili eppure esistono sotto i nostri occhi.
La tua torta è magnifica, io non vado d'accordo con il silicone poi vedo questi capolavori...

Claudia ha detto...

E' tanto che non passavo a trovarti.. spero tu stia bene! Come hai ragione.. non credo sia semplice denunciare.. si ha paura di ciò che potrebbe fare l'altra parte.. ma subire non va bene affatto! Denunciare.. semrpe!!! Ottimo questo dolce... ne prendo una fetta.. Bacie buona giornata :-)

Manuela e Silvia ha detto...

Ciao Grazia!
deliziosa questa torta: agrumata e soffice!
un bacione

Nelly ha detto...

Buonissimo questo dolce soffice!:) Ne vorrei proprio una fetta! :)
Purtroppo non è facile denunciare le violenze che le donne subiscono, purtroppo si ha paura, e a volte ciò succede proprio sotto gli occhi e nessuno se ne accorge..! Io dico NO alle violenze sulle donne, bisogna incoraggiare queste vittime ad essere più forti.
Buona giornata
Nelly

Yrma ha detto...

E' vero....bisognerebbe dare la forza a queste donne di denunciare l'accaduto e tutelarle. La cosa a cui spesso penso è la violenza psicologica, quella che non lascia segni fisici ma logora e fa ammalare. A tutte queste donne va la mia solidarietà e a te la mia stima per le tue parole e la tua deliziosa torta!!!

vitto e libri ha detto...

che meraviglia ,mandorla e arancia...


la violenza sulle donne è una vergogna e una piaga ancora oggi difficile da guarire...purtroppo!

ELel ha detto...

Io mi chiedo come possiamo ancora subire...e come in altri paesi subiscono ancora di più...
Ottima la tortina, lo stampo mi piace da matti!

Roxy ha detto...

Per me è inconcepibile però so che ci sono tantissime donne che non hanno il coraggio di denunciare i propri aguzzini....per il bene dei figli....perchè si ripeteno che quella sarà l'ultima volta, che lui cambierà.....ma purtroppo non è così...e molte volte si arriva a conseguenze irreparabili!!!

Questa torta al profumo di arancia è meravigliosa!

Giovanna ha detto...

davvero deliziosa e molto delicata complimenti

Ilaria ha detto...

Non riesco neppure a immaginare quale vita possano vivere tutte le persone che sono vittime di abusi e violenze. Non riesco a capire come qualcuno riesca a farsi annientare completamente dalle persone che gli stanno vicino e che dovrebbero amarle. E' incredibile!
Quello che invece è crebidile è la vera bontà di questa torta. Trovo che gli agrumi rendano le torte profumatissime e gustosissime.

Ombretta ha detto...

Queste cose accadono più spesso di quanto uno immagini... Purtroppo conosco una famiglia che va avanti da anni con un marito ubriacone e manesco ma lei non lo vuole lasciare! Non pensare che non ci si lavori ma anche la psicologa ha detto che si innesca un fattore mentale complicato di odio -amore verso il coniuge. Per i figli e' dura e l odio per il padre infinito spero che ora le cose migliorino... La tua torta e' soffice e leggera una meraviglia! Io sono già tra i tuoi lettori cara :-)

Luisa ha detto...

Concordo con Stefania.. il primo male è quella paura di denunciare.. molto spesso è paura di rimanere da sola, senza quel marito, compagno..non so, non capirò mai, cosa scatti nella mente e nel cuore di una donna per non voler lasciare il proprio aguzzino..ma succede, purtroppo con una frequenza assurda.. nella famiglia di mia madre l'ho visto succedere.. anzi, scoperto dopo anni di loro insospettabili silenzi.. e rimani inerme davanti a scelte simili! la tua torta.. seppur un argomento più banale, ci consola e ci fa assaporare gusti dolcissimi! brava

RitaN ha detto...

Ciao, sono una tua nuova lettrice! Ho provato a fare questa torta per due volte..nonostante il sapore sia favoloso, entrambe le volte non mi si è "gonfiata" e anche se ho provato a usare due diversi tipi di lievito (non avevo la farina autolievitante)..Qualche consiglio?

Mammazan ha detto...

@RitaN

Non credo che dipenda dal tipo di lievito..
Per la quantità della farina usata credo che 1/2 bustina possa bastare.
Prova a metterne una intera..
Hai per caso usato una temperatura troppo bassa o hai aperto lo sportello del forno prima che fossero passati 20' da quando hai infornato il dolce?
Non mi viene in mente altro.. se la rifai fammi sapere!

ary/enza ha detto...

m:) complimenti splendide ricette e ti seguo con molto piacere passa nel mio blog anche se sono alle prima armi se ti va ciao :)i piace il tuo blog