martedì 9 dicembre 2008

Banana, Montasù,Tera,Treccia, Treccina e Panino con testina

Il negozio del panettiere era chiuso?

Nooooooo!!!!!

Ho provato a confezionare queste forme un po' particolari....

Visto che la pannocchia del post precedente era piaciuta........

E qui propongo una visone in complesso e in dettaglio.....

Dell'ultima prodezza (ahahahah) di Mammazan.....

Il post sarà breve (ad esclusione della dovizia di immagini, in questo caso doverosa).....

Per mostrare le forme caratteristiche di questi pani.....

Ho appena concluso il mio mini trasloco in paese.

Ho accennato alla neve che mi ha bloccato nella mia casa in collina per parecchi giorni.

Al primo accenno di neve mi è venuto lo sconforto perché neve=strada impraticabile.

Purtroppo ho almeno 200 m. di strada privata per cui se non chiamo qualcuno che me la liberi sono isolata......

Ho telefonato al vicino che era impegnato (ha il "vizio" di andare a lavorare) per cui non poteva venire con la fresa, così la chiama lui, a eliminare la neve la neve......

Ricordo un anno in cui le nevicate furono particolarmente abbondanti.

I bambini erano piccoli e per parecchi giorni non andarono a scuola.

Mio marito andò a spalare la neve, ovviamente a mano, anche perché per un incomprensibile ed oscuro motivo non si era mai interessato all'acquisto di un trattorino, anche di seconda mano, per poter liberare la strada.....

Tornò in casa e disse:" La voglio misurare" parole storiche che ancora adesso ricordo.

La neve agli arrivava alle ascelle ed era alta m. 1.40 .....

Ricordo anche che scavò un solco per permettergli di arrivare a casa dei vicini che aveva pregato di acquistare delle provviste (essendo in 4 le scorte non potevano certo durare in eterno)......

E questa non fu certo l'unica volta......

Ricordo anche quella volta che, ovviamente, mentre lo spazzaneve del comune passava 50 volte dove non c'era più neve in pianura, non passava mai nella strada collinare intercomunale da un paese , il mio, e quello confinante col risultato che la neve si accumulava.....

Diventava LA CLASSICA TERRA DI NESSUNO!!!

Ricordo anche che, sempre alcuni anni fa, esasperata del disservizio alle 9 del mattino di una domenica, telefonai a a casa del sindaco per ricordargli quali erano i suoi doveri.

Mi rispose che LUI il suo dovere lo faceva ed io gli risposi:" Allora si accerti che lo facciano anche i suoi sottoposti" .

Tempo mezz'ora arrivò lo spazzaneve a sgombrare la strada ma il sindaco da quel momento..... mi tolse il saluto......

Per cui, ormai da alcuni anni, mi trasferisco in paese con armi, bagagli, gatto, lettiera tira graffi e tutto il resto....


Sono passati solo 2 o 3 giorni e ancora mi sento stanca..... per fortuna che la mia bambina e il mio adorato genero mi hanno aiutato e ormai sono tranquilla e anche se nevica ...me ne infischio!!!!!


Passiamo alle varie forme di pane che propongo in questa carrellatata e che possono rappresentare un elemento decorativo per la tavola di Natale e, presa un po' di dimestichezza, anche per la tavola dei giorni di festa normale.

La base è la solita pasta di pane preparata con metà farina di grano 00 e metà con farina integrale.

Perché farina integrale?

Molto semplice: in quel momento avevo finita la Manitoba per cui......

Devo aggiungere che ho confezionato il pane di venerdì ma non ho congelato il sostanzioso avanzo.

Quando l'ho riproposto in tavola è bastato dargli un'aria di forno per farlo sembrare come appena sfornato......

Passiamo alla semplice ricetta di base.

Tempo di preparazione: circa 20' per la pasta da pane ad esclusione del tempo di lievitazione
Costo: basso
Difficoltà: ***

Ingredienti

350 gr di farina 00
350 gr di farina integrale o manitoba
20 gr di lievito di birra fresco
acqua tiepida q.b.
1/2 cucchiaino di zucchero
1 cucchiaino da the di sale fine
1 o 2 cucchiai di olio extravergine di oliva

Sciogliere il lievito in poca acqua appena tiepida aggiungendo lo zucchero.

Versare le farine nel bicchiere del mixer, azionare il robot per alcuni secondi per miscelarle perfettamente, aggiungere il lievito ormai sciolto e sempre mescolando aggiungere a filo acqua ben calda , fino ad ottenere un impasto MORBIDO.

Estrarre il panetto dal robot, lavorarlo per alcuni minuti, conferirgli la forma di una palla, metterla in una scodella, inciderla a croce, ungerla uniformemente con un goccio di olio, sigillarla con pellicola trasparente e porla a lievitare in forno spento ma con la sola luce di cortesia accesa, fino al raddoppiamento del volume.

A questo punto sgonfiare la pasta a pugno chiuso, rilavorarla brevemente e porzionarla a seconda della dimensione che si vuole dare ai panini.

Con la dose indicata si possono confezionare tutti i pani presenti nella foto complessiva all'inizio del post.

Man mano che i vari pani sono pronti, adagiarli su una teglia ricoperta da carta da forno.

Nella foto qui sotto si possono "ammirare " i MONTASU" nome tecnico che indica questa forma.


Per farlo bisogna ricavare da un bastoncino di pasta due rotoli di pasta che si incontrano.
Sovrapporre un rotolino all'altro praticando al centro della pasta una leggera torsione.

Qui sotto invece c'è una "BANANA".

Per farla basta assottigliare alle estremità un rotolino di pasta un po' bombato al centro e assottigliato alle estremità, appiattirlo con le mani e arrotolarlo su se stesso, premendolo in modo da allargarlo e far uscire i cornini laterali.


Questa forma si chiama "TERA".

Si formano due rotoli di pasta uniti insieme, piegarli leggermente mettendoli in piedi....


Farne degli altri ( qui ce ne sono solo due) e riunirli mettendoli alternativamente, uno opposto all'altro...

Alcune foto per meglio mostrare come vanno uniti...

Non ci sono più dubbi, vero?


La treccia non è difficile.....

Basta preparare tre bastoncini di pasta della stessa lunghezza, dopo di che vanno intrecciati tra loro....

Particolare ( come se non si vedesse!!!!)

Questa è invece una treccina...

Basta fare un lungo bastoncino, afferrarne con le mani le estremità e attorcigliarle.



Questa è una pagnottina con la "testa".

Basta sovrapporre una pallina di pasta più piccola sulla base più grande e sagomare la sonmmità con mani e forbici in modo da creare l'effetto coroncina...


A questo punto, dopo aver confezionato tutte le forme di pane, lasciarle lievitare ancora per almeno 1 ora sempre ricoperte con un panno di lana e al riparo da correnti ed infornare in forno preriscaldato e ventilato per circa 30' o perlomeno fino a doratura..

E come sempre, BUON APPETITO!!!!!

17 commenti:

emilia ha detto...

Hai lavorato eh ! Buono il pane....a me la neve in citta' non piace...da solo disagio. Un bacio e buona giornata :)

Simo ha detto...

Caspita che produzione, Grazia!!! Che belle forme originali!
Bacione!

Betty ha detto...

Senza parole....

rosy ha detto...

che bella sfornata, da fare invidia a un panettiere.... e che belle forme artistiche scommetto che ti sei anche divertita.... ciao e buona serata

Caty2 ha detto...

Ma riesci a cuocerle tutte in una volta? Io ho sempre il dubbio (a causa anche dello spazio) se infilarle dentro tutte assieme o una dopo l'altra. Se c'è il forno a legna non c'è problema, ma in casa ?... Ti abbraccio, qui non nevica, piove sempre uffa Caty2

Rossa di Sera ha detto...

Ma quanti bei pani!!! Complimenti!

sorbyy ha detto...

Vedo che ti sei divertita a dare delle forme fantastiche ai tuoi panini.
Belli ciao

Magnolia Wedding Planner ha detto...

Grazia tesoro ma allora ho visto bene? questi sono dei panini strasuperlativi! mi fanno gola anche da crudi :-)
ma allora sei sempre bloccata? meno male che almeno la connessione sei riuscita a riaverla!
Bacione splendida!
Silvia

Caty ha detto...

complimenti !! io ho sempre pensato che ci volessero anni per riuscire a fare forme così straordinarie !!

anna righeblu ha detto...

Che belle forme Grazia! Provo ad immaginarne il profumo...chissà che meraviglia appena sfornato!
Buona serata...chissà cosa stai architettando per stupirci domani...
Baci

SiLviA ha detto...

Grazia, sono sempre belli i tuoi racconti: mi è piaciuta la frase di tuo marito. Buon soggiorno in paese! A presto! Silvia

Ross ha detto...

Che bello questo pane, sei proprio brava!!

Fra ha detto...

Degli squisiti capolavori...bravissima
Un bacio
Fra

Fantasilandia ha detto...

Ciauuuuuuuuuuuuuuuuuuuu
Mi piacciono un sacco le tue creazioni di pane
Immagino la fatica per la neve!!!!!
Ti mando una volata di baci caldi da sciogliere tutta la neve che ti ostacola nel passaggio!!!!!
;-D

michela ha detto...

Io mi domando ma una persona con queste manine come fa a dire di non essere brava a decorare e questo pane come lo chiami?
Io lo chiamo decorato e fantastico anche!!

Anonimo ha detto...

leggere l'intero blog, pretty good

Anonimo ha detto...

leggere l'intero blog, pretty good